UBC Theses and Dissertations

UBC Theses Logo

UBC Theses and Dissertations

La mafia e il giallo sciasciano Kobbeltvedt, Elisa M. 1995

Your browser doesn't seem to have a PDF viewer, please download the PDF to view this item.

Item Metadata

Download

Media
831-ubc_1995-0221.pdf [ 3.66MB ]
Metadata
JSON: 831-1.0086888.json
JSON-LD: 831-1.0086888-ld.json
RDF/XML (Pretty): 831-1.0086888-rdf.xml
RDF/JSON: 831-1.0086888-rdf.json
Turtle: 831-1.0086888-turtle.txt
N-Triples: 831-1.0086888-rdf-ntriples.txt
Original Record: 831-1.0086888-source.json
Full Text
831-1.0086888-fulltext.txt
Citation
831-1.0086888.ris

Full Text

LA MAFIA E IL GIALLO SCIASCIANO by ELISA M. KOBBELTVEDT Laurea i n Lingue e Letterature Straniere Moderne I s t i t u t o U n i v e r s i t a r i o Orientale Napoli, 1953 A THESIS SUBMITTED IN PARTIAL FULFILLMENT OF THE REQUIREMENTS FOR THE DEGREE OF MASTER OF ARTS in THE FACULTY OF GRADUATE STUDIES (Department of Hispanic and I t a l i a n Studies) We accept t h i s thesis as conforming to the required standard THE UNIVERSITY OF BRITISH COLUMBIA March 1995 © E l i s a M. Kobbeltvedt, 1995 In presenting this thesis in partial fulfilment of the requirements for an advanced degree at the University of British Columbia, I agree that the Library shall make it freely available for reference and study. I further agree that permission for extensive copying of this thesis for scholarly purposes may be granted by the head of my department or by his or her representatives. It is understood that copying or publication of this thesis for financial gain shall not be allowed without my written permission. Department The University of British Columbia Vancouver, Canada DE-6 (2/88) i i ABSTRACT The main purpose of t h i s thesis i s to i l l u s t r a t e Sciascia's work concerning the "mafia". It implies a previous discussion on the mafia and why no government could destroy i t . I t also points out i t s relationship with the S i c i l i a n society and other countries on earth. The introduction gives an account of the history of S i c i l y and i t s invaders throughout the centuries. The formation of the old law of "omerta" (conspiracy of silence) developed as a defense and protection against the harsh rule of the Spaniards who dominated the island continually from the f i f t e e n t h century t i l l 1860. This old law became the basic p r i n c i p l e of the mafia as i l l u s t r a t e d i n the four novels written by Leonardo S c i a s c i a . The t i t l e s are as follows: 1. II giorno d e l l a c i v e t t a (The Day of the Owl) 2. A ciascuno i l suo (To Each his Own) 3. Todo modo (One Way or Another) 4. II contesto (Equal Danger) The structure of each novel i s the same as generally found in the detective story genre but without any denouement. The f i r s t chapter deals with "II giorno d e l l a c i v e t t a " where examples of l o c a l mafia are i l l u s t r a t e d including the struggle for j u s t i c e . S c i a s c i a shows the structure of the mafia i n a small S i c i l i a n town. i i i The second chapter analyzes the novel "A ciascuno i l suo" where the mafia i n f i l t r a t e s the government and many p o l i t i c a l sectors. In chapter four "II contesto" one encounters an urban, cosmopolitan system of corruption involving the e l i t e class of judges and high p o l i t i c a l party leaders. Sciascia challenges the very i n s t i t u t i o n of j u s t i c e , p o l i t i c a l parties and the government at large. He takes on himself the r e s p o n s i b i l i t y , as writer, to push for the recognition of moral values of a society and an era. The epilogue covers the e f f o r t s of the "Antimafia" men i n thei r attempt to put down the mafia. The end covers the international mafia and i t s criminal underground a c t i v i t i e s such as the drug t r a f f i c k i n g , money laundering, p r o s t i t u t i o n , etc. Various antimafia p e r s o n a l i t i e s have been k i l l e d i n t h i s campaign and the struggle continues today i n spite of many "mafia bosses" having been arrested. iv LA MAFIA e IL GIALLO SCIASCIANO INDICE Abstract i i Indice iv Acknowledgment v Introduzione La S i c i l i a e l a mafia 1 Capitolo I II aiorno d e l l a c i v e t t a (1961) 15 Capitolo II A ciascuno i l suo (1966) 38 Capitolo III Todo modo (1974) 59 Capitolo IV II contesto (1971) 83 Conclusione La mafia internazionale 107 Opere d i Leonardo Sc i a s c i a 116 Bib l i o g r a f i a 118 V In researching and writing t h i s thesis, I was fortunate to benefit from the encouragement, help and suggestions of Prof. Dr. Carlo Testa. I therefore wish to acknowledge his contribution to t h i s work. INTRODUZIONE La S i c i l i a e l a mafia La s t o r i a Incantevole i s o l a divina! Avere girato quasi tutto i l mondo, e trovare qui ancora del nuovo, e sempre piu b e l l o , immensamente b e l l o . . . (1) Cosi s c r i s s e Arnaldo F r a c c a r o l i quando, per l a prima v o l t a , v i s i t o l a S i c i l i a . Cosi tutte l e genti che approdarono i n questa i s o l a devono avere avuto l a stessa impressione giacche s'impadronirono d i essa, l a dominarono, l a sfruttarono fino a che a l t r i popoli se ne impossessarono. Fin da tempi immemorabili giunsero s u l l e sue coste navi d'ogni tipo e genti d i tutte l e razze a l l o r a conosciute. Vigeva a quei tempi l a legge del piu forte cosi che i nuovi a r r i v a t i saccheggiarono e assoggettarono g l i a b i t a n t i (1) Gino d i Rosa, A l i a Scoperta d e l l a S i c i l i a . Brescia: La Scuola, 1966, p. 7. 2 d e l l ' i s o l a . S i susseguirono i n ordine, i F e n i c i , i Greci, i Cartaginesi, i Romani, i Vandali, i B i z a n t i n i , g l i Arabi, i Normanni, g l i Svevi, i Francesi con g l i Angioini, g l i Aragonesi e l a d i n a s t i a spagnola dei Borboni. Con i Greci f i o r i r o n o 1'agricoltura, i l commercio, l a poesia e una r a f f i n a t a c i v i l t a . Con i Romani s i vide lentamente s f i o r i r e l a ricchezza e l a prosperity d e l l ' i s o l a sebbene essa fosse i l granaio d i Roma. II dominio arabo le ridiede una f l o r i d e z z a che continuo sotto i Normanni e g l i Svevi. Nel 1060 i Normanni con a capo Ruggero d ' A l t a v i l l a sbarcarono n e l l ' i s o l a . L'agiatezza portata dagli Arabi continuo sotto questo re f i n o a l i a morte d i Federico I I , i l piu grande sovrano d e l l ' i s o l a . Questo sovrano i n f a t t i f a v o r i 1'agricoltura, fece scavare pozzi, costruire ponti e strade. Appassionato a r t i s t a accolse a l i a sua corte poeti e e r u d i t i . Fu i l primo a introdurre i l d i a l e t t o s i c i l i a n o n e l l ' i s o l a come lingua d i cultura scrivendo i n volgare i suoi primi componimenti p o e t i c i . Dopo l a sua morte, avvenuta nel 1250, segui un periodo molto agitato per l a S i c i l i a . II f i g l i o Manfredi usurpo i l trono a Corrado i l primogenito e a l f i g l i o Corradino. II Papa, 3 temendo l a potenza d i questi, chiese aiuto a i francesi e Carlo d'Angio sbarco n e l l ' i s o l a . Sconfisse Manfredi e prese i l potere che Dante chiamo mala Siqnoria. Da qui i n i z i o i l t r i s t e periodo d e l l a dominazione francese. Nel 1282 scoppiarono i Vespri S i c i l i a n i . I francesi furono c a c c i a t i e i s i c i l i a n i chiamarono g l i spagnoli commettendo un grave errore perche, con Pietro d'Aragona, comincio per 1'isola un periodo d i decadenza, d i s e r v i t u , d i corruzioni e di i n g i u s t i z i e . II periodo aragonese s i protrasse fino a l 1713. Invano i l popolo tento d i r i b e l l a r s i . T u t t i i t e n t a t i v i furono s o f f o c a t i nel sangue. In seguito g l i aragonesi mandarono dei Vicere capaci solo d i a r r i c c h i r s i a spese del popolo che s o f f r i v a . Dal 1713 a l 1735 l a S i c i l i a ando per brevissimo tempo n e l l e mani dei Savoia. Poi l a corona passo a l l ' A u s t r i a e i n f i n e a don Carlo d i Borbone. Nel 1735 Carlo d i Borbone divenne re di tutto i l meridione e mando n e l l ' i s o l a i l vicere Domenico Caracciolo (1759-1825) che non fu bene accetto. I baroni s i c i l i a n i lo accusarono d i attentare a l l e l i b e r t a e i l popolo fomentato da questi s i r i b e l l o a l u i . 4 Con l a rivoluzione francese del 1789 nacque i l movimento costituzionale che impegnava lo Stato a r i s p e t t a r e i d i r i t t i del popolo. Anche i s i c i l i a n i 1 1ottennero ma fu soppressa da Ferdinando d i Borbone quando divento re d e l l e due S i c i l i e . I Borboni governarono l a S i c i l i a costantemente dal XV secolo fino a l 1860. La conquista spagnola determino i grandi t r a t t i d i quelle c a r a t t e r i s t i c h e che definiscono l a S i c i l i a d'oggi. In questo periodo l a vecchia legge dell'omerta s i rafforzo. Si trattava d i una "forma d i s o l i d a r i e t a . . .per cui s i ostacolava l a r i c e r c a e l a punizione dell'autore d i un reato." (2) Giacche i Vicere erano usurpatori, 1 1omerta veniva usata come salvaguardia. Con i l tempo 1 1omerta divenne i l p r i n c i p i o base d e l l a mafia. La mafia (2) Garzanti, Nuovo di z i o n a r i o i t a l i a n o , Milano: Garzanti, 1988, p. 598. 5 Secondo una d e l l e etimologie proposte l a parola mafia deriva dall'arabo e s i g n i f i c a luogo d i r i f u g i o o grotta dove i mafiosi, a l p r i n c i p i o , s i rifugiavano per s o t t r a r s i all 1oppressione dei saraceni. Fin dal Medio Evo esistevano i a a b e l l o t t i che riscuotevano le gabelle e a f f i t t u a r i d i grandi proprieta t e r r i e r e . Tutta l'economia d e l l a S i c i l i a occidentale fu influenzata i n senso negativo da questo sistema feudale. In primo luogo perche i g a b e l l o t t i sfruttavano all'estremo i contadini. In secondo luogo perche e s s i erano d e g l i intermediari p a r a s s i t i t r a i l l a t i f o n d i s t a e i l contadino e f i n i r o n o col divenire bande d i s i c a r i a l s e r v i z i o del loro signore. Queste bande formarono i l primo nucleo d e l l a mafia locale. Questo tipo d i mafia venne anche trapiantato da emigranti s i c i l i a n i n e g l i S t a t i U n i t i . T i p ico esempio ne e l a cosiddetta Mano Nera. (3) Si formarono poi p i c c o l e associazioni d i tre o quattro persone chiamate l a cosche. Ciascuna d i loro dominava uno (3) V. F r o s i n i , F. Renda, L. Sciascia, La mafia, quattro studi r Bologna: Boni, 1970, p. 29. 6 s p e c i f i c o t e r r i t o r i o ma spesso erano i n l o t t a t r a d i loro. A questo punto subentrava l a mafia per difendere 1 1ordine e procurare c o n t r a t t i e a p p a l t i . In questo modo l a mafia teneva sotto i l suo potere l e masse contadine che dovevano accettare le sue regole a scanso d i pene anche mortali (esempio: II giorno d e l l a civetta) che andavano sempre impunite per 1 1omerta a cui l a popolazione era sottoposta. F r o s i n i divide i l concetto d i mafia i n t r e a s p e t t i . II primo riguarda l a mafia i n senso generico cioe come costume, come mentalita d i un certo ceto so c i a l e . Qui i l mafioso viene rappresentato come un prepotente, ... a l u i basta mezza parola per imporre l a sua volonta o per concordare un affare. (4 ) II suo atteggiamento e spavaldo n e l l ' a g i r e , r i s o l u t o , e ha un'esagerata opinione d i se stesso. Non s i f i d a d e l l o Stato; s i f a g i u s t i z i a da se. Questo tipo d i mafioso sta scomparendo a i tempi moderni. Oggigiorno l a mafia intesa i n senso psicologico s i vede soltanto a l i a t e l e v i s i o n e . (4) Ibid., p. 6 . 7 II secondo aspetto e quello d e l l a mafia intesa nel senso r i s t r e t t o d i organizzazione criminosa. (5) Questa ha leggi proprie e obbedisce a capi r i c o n o s c i u t i . Dopo i l 1860 questa forma s i estese quando i r i c c h i borghesi comprarono le terre demaniali e quelle espropriate a l i a Chiesa e, insieme a l i a vecchia a r i s t o c r a z i a i n decadenza, urto l e a s p i r a z i o n i d e l l e masse r u r a l i . II terzo aspetto e quello d e l l a mafia considerata come parassitismo economico e p o l i t i c o . (6) Dalla mafia che c o n t r o l l a le masse contadine s i passa a l i a mafia d e l l e acque che c o n t r o l l a f o n t i e canali d 1 i r r i g a z i o n e e l a mafia de g l i appalti e d i l i z i e d e l l e strade (esempio: A ciascuno i l suoK E t u t t a una catena d i f a v o r i t i s m i e imposizioni. E una l o t t a economica senza scrupoli che non risparmia c o l p i a nessuno. Si puo d i r e che ogni d e l i t t o d i mafia ha un preciso movente d'interesse economico; questo controllo organizzato su c e r t i s e t t o r i d e l l a v i t a economica e l a r e a l t a d e l l a mafia. (7) (5) Ibid. / P - 28. (6) Ibid p. 30. (7) Ibid. 31. 8 Qualcosa d i simile avviene anche n e l l a p o l i t i c a . Con i l regime democratico (1946) fu introdotta anche i n S i c i l i a l'autonomia regionale che, per l a prima v o l t a n e l l a s t o r i a d e l l ' i s o l a , porto le masse a partecipare a l i a v i t a p o l i t i c a cosa che era preclusa durante l a d i t t a t u r a f a s c i s t a a causa specialmente dell'analfabetismo. Si e venuta a creare percio una rete d i p r o f i t t i , e l a r g i z i o n i , indulgenze per coloro che andavano i n cerca d i v o t i creando cosi un ceto pa r a s s i t a r i o esclusivamente dominato d a l l a mafia. In questo modo l a mafia economica s i mescola a l i a mafia p o l i t i c a . Quando s i parla d i mafia i n S i c i l i a e bene precisare che questo fenomeno non s i estende i n t u t t a 1 1 i s o l a ma, come dice F r o s i n i , sembra centrato maggiormente n e l l a zona occidentale d e l l ' i s o l a . Un g i o r n a l i s t a s i c i l i a n o consultato da L. Fay spiega che: The mafia plays a key r o l e , but only i n the west. (8) (8) H. La Fay, National Geographic, Washington: March 1976, Vol. 149, No. 3, p. 412. ; 9 La popolazione d i questo settore ha avuto sempre uno spiccato rancore verso lo Stato concepito come forza estranea a i sentimenti e a l l e usanze d e l l a gente loc a l e . La zona d i Palermo ha sempre dato i l maggior da fare a l l e p o l i z i e , borbonica prima, poi l i b e r a l e e i n f i n e f a s c i s t a e democristiana. F a r s i g i u s t i z i a da se e i l motto del mafioso che forse ha l e sue r a d i c i n e l l a frustrazione c o l l e t t i v a e nel risentimento d i un popolo oppresso per s e c o l i dal dominio straniero. Franchetti n e l l a sua inchiesta i n S i c i l i a nel 1876 s c r i v e : ...La mafia e un sentimento medievale; mafioso e c o l u i che crede d i potere provvedere a l i a t u t e l a e a l i a incolumita d e l l a propria persona e dei suoi averi merce i l suo valore e l a sua influenza personale indipendentemente dall'azione d e l l 1 a u t o r i t a e d e l l e l e g g i . (9) Francesco Renda sostiene che, f i n d a l l a meta del secolo scorso, l a mafia ha assunto una precisa posizione sociale ed economica. II pr o p r i e t a r i o t e r r i e r o s i c i l i a n o non ha rapporto d i r e t t o con i l contadino verso i l quale ha un odio (9) S. Franchetti, La S i c i l i a . i n : La Mafia, quattro studi, Bologna: Boni, 1970, p. 42. 10 biologico ed una paura f o l l e . Di fronte a questa situazione entra i l sistema mafioso. II contadino se vuole lavorare e vivere deve avere rapporti con 1 1amministratore mafioso. G l i amici d i quest'ultimo ricevono s p e c i a l i b e n e f i c i cioe ottengono l e terre m i g l i o r i da c o l t i v a r e ed a l t r i p r i v i l e g i . Se i l contadino s i r i f i u t a d i seguire g l i o r d i n i dell'amministratore, 1 1 anno seguente avra i l contratto d i lavoro i n un terreno meno f e r t i l e o a d d i r i t t u r a perdera i l suo lavoro. Mussolini, Mori e l a mafia Con i l fascismo l a mafia perde l a sua aureola popolaresca e sentimentale. Ruggero Grieco nel suo lavoro II contadino descrive una mafia formata d i contadini senza t e r r a , d i p i c c o l i borghesi poveri, d i funzionari e avvocati e cosi v i a . Era i l 1926 e stavano avvenendo dei cambiamenti i n seno ad essa a conseguenza d e l l e persecuzioni f a s c i s t e . " L ' I t a l i a f a s c i s t a debellera l a mafia" d i c h i a r a Mussolini quando i l 6 maggio 1924 s i reca, per l a prima v o l t a , i n S i c i l i a . Lui sa che questa organizzazione e forte perche o f f r e i v o t i a i p o l i t i c i e perche garantisce l a sicurezza 11 d e l l a t e r r a a i p r o p r i e t e r i t e r r e r i e r i . E sicuro pero che alleandosi con essa non avra n u l l a da guadagnare. Assegna percio a Cesare Mori, i l cosidetto "prefetto d i ferro", i l governo d e l l ' i s o l a . Mori secondo Ferderzoni e Mancada e "un onesto esecutore ' d i o r d i n i , preparato, i n f l e s s i b i l e , coraggioso." (10) In tutto i l periodo trascorso i n S i c i l i a riesce a mettere l a mafia a tacere considerandola un' associazione a delinquere e f u o r i legge. Ma a torto Mussolini dichiaro che " i l fascismo aveva debellato i l crimine organizzato i n S i c i l i a . " (11) I n f a t t i questa societa emerse d i nuovo quando g l i A l l e a t i conquistarono 1'isola. II s i l e n z i o d e l l a mafia era stata solo una s t a s i s t o r i c a causata dai " c o l p i i n f e r t i ad essa dal prefetto Mori." (12) (10) A. Petacco, II prefetto d i ferro, Milano: Mondadori, 1993, p. 42. (11) Ibid., p. 228. (12) Ibid., p. 229. 12 Mafia, Malavita e Brigantaggio La st r u t t u r a d e l l a mafia come fenomeno economico, sociale e p o l i t i c o , benche alquanto indebolita con 1'intervento del fascismo a l potere, venne a formarsi n e g l i anni cinquanta perche, quando g l i americani misero piede sul suolo i t a l i a n o , e s s i usarono l a mafia a loro vantaggio ed essa riacquisto i l suo potere o r i g i n a r i o . Con 1 1ascesa del regime democratico c i fu poi una piena ri p r e s a d e l l 1 a t t i v i t a mafiosa. Gaetano Mosca, s i c i l i a n o , scienziato p o l i t i c o , n e g l i anni cinquanta descrive l a famiglia mafiosa da d i e c i a dodici persone con uno o piu capi molto a b i l i n e l l a d i f f i c i l e arte del delinquere impunemente. L'attenzione d i alcuni s t u d i o s i verso l a mafia riguarda i legami che uniscono essa a l i a malavita e a l brigantaggio da un lato e l a mafia n e l l a p o l i t i c a e nell 1amministrazione del l o Stato d a l l ' a l t r o . (13) (esempio: Todo modo e i l Contesto1 (13) La mafia, auattro studi. p. 39. 13 Mafia e banditismo hanno d e l l e s i m i l a r i t a solamente. Un bandito e un f u o r i legge; vive n e l l a macchia ed e r i c e r c a t o d a l l a p o l i z i a . Un esempio t i p i c o e Salvatore Giuliano. Salvatore Giuliano era un bandito che ebbe un ruolo breve ma violento nel movimento per 1 1indipendenza d e l l a S i c i l i a subito dopo l a seconda guerra mondiale. Essendo contro i l vassallaggio, che tradizionalmente legava i banditi a l i a vecchia mafia i l suo rapporto con essa era d i subordinazione ma a l i o stesso tempo d i o s t i l i t a . Nel 1947 Giuliano s i diede a l terrorismo p o l i t i c o quando attacco l a gente d e l l a s i n i s t r a che festeggiava i l primo maggio, ferendo ventisette persone e uccidendone u n d i c i . Dopo i l 1948 ritorno a l l ' a t t i v i t a criminale specializzandosi nel sequestro d i persona a danno dei r i c c h i p r o p r i e t a r i t e r r e r i e r i e commercianti a r r i c c h i t i cercando, n e l l o stesso tempo, d i appoggiarsi a l p a r t i t o dominante per ottenere i l condono dei suoi c r i m i n i . Fu ucciso, sembra, dai c a r a b i n i e r i nel 1950. Sebastiano Gesu scrive che i l binomio mafia-banditismo ebbe tanto successo da a t t i r a r e d i v e r s i r e g i s t i i t a l i a n i t r a i 14 quali Francesco Rosi che r e a l i z z o i l f i l m Salvatore Giuliano nel 1962. Con esso Rosi dimostro che the past corruption i s not merely history but i s an ever present aspect of S i c i l i a n l i f e . (14) II f i l m d i Rosi aveva uno scopo preciso cioe d i porre i l problema s i c i l i a n o davanti a l i a coscienza d e g l i i t a l i a n i illuminandoli s u l l a necessita d i rompere i l c i r c o l o chiuso d e l l a miseria e d e l l 1 i n g i u s t i z i a . (15) Questi sono i f a t t o r i che spingono a l i a r i v o l t a o all 1isolamento facendo i l gioco d i coloro che approfittano d e l l a miseria e dell 1ignoranza. (14) T. Kezich e S. Gesu, Salvatore Giuliano, Catania: Tipografia Carmelo, 1991, p. 126. (15) P. Bondanella, I t a l i a n Cinema, New York: Continuum, 1991, p. 168. 15 CAPITOLO I II giorno d e l l a c i v e t t a (1961) La mafia e una r e a l t a s i c i l i a n a e Sci a s c i a e "1 1interprete piu acuto, piu se n s i b i l e e piu i n c a t t i v i t o a riguardo." (1) Secondo Sci a s c i a questo fenomeno mafia e una condizione d i s t o r i a umana e non razionale e l u i l a guarda eclusivamente da questo punto d i v i s t a . Tutta l a sua cari c a aggressiva, cosi s i esprime P a s o l i n i , (2) contro quel mostro che e l a mafia rimane f r u s t r a t a (un esempio t i p i c o e i l capitano B e l l o d i ne II giorno d e l l a civetta) perche essa non solo e praticamente imbattibile, ma e anche, come 1'autore c i suggerisce, inesprimibile. L 1 i m p o s s i b i l i t y d i sconfiggere questa potente macchina s i (1) Antonio Motta, L.Sciascia. La v e r i t a , L'Aspra v e r i t a . Bari-Roma: Lacaita, (Enzo S i c i l i a n o i n : II mondo, 20 settembre 1973), p. 227 (2) Pier Paolo P a s o l i n i , Descrizioni d i d e s c r i z i o n i . Torino: Einaudi, 1979, p. 132. 16 trasforma i n Sciascia i n una passione impotente e repressa. Essa ha una logica t u t t a sua. Basta pensare a l colloquio d i don Mariano Arena, i l capo mafia, con i l capitano dei ca r a b i n i e r i B e l l o d i : - C e r t i suoi amici dicono che l e i e re l i g i o s i s s i m o . -Vado i n chiesa, mando denaro a g l i o r f a n a t r o f i . . . -Crede che basti? -Certo che basta: l a Chiesa e grande perche ognuno c i sta dentro a modo proprio. -Non ha mai l e t t o i l vangelo? -Lo sento leggere ogni domenica. -Che gliene pare? -Belle parole: l a Chiesa e tu t t a una bellezza. -Per l e i , vedo, l a bellezza non ha niente a che fare con l a v e r i t a . -La v e r i t a e nel fondo d i un pozzo: l e i guarda i n un pozzo e vede i l sole o l a luna; ma se s i butta giu non c'e piu ne sole ne luna, c'e l a v e r i t a . (3) Sciascia non commenta questa specie d i log i c a . "E riservato, chiuso e f a t a l i s t a " (4) come dice P a s o l i n i comportandosi cosi come i suoi protagonisti. La mafia, percio, e un motore immobile d e l l a s t o r i a d e l l a S i c i l i a , d i una s t o r i a secolare che s i ripete ininterrottamente e non puo essere (3) L. Sci a s c i a , II giorno d e l l a c i v e t t a . Torino: Einaudi, 1969, p. 103. (4) Descrizioni d i d e s c r i z i o n i . p. 133. 17 modificata essendo essa ben radicata n e l l a coscienza dei s i c i l i a n i . Ogni personaggio dei g i a l l i s c i a s c i a n i ha i n se questa eredita che s i ripete senza interruzione e con lo stesso ritmo. Per c a p i r l a , almeno istintivamente, bisogna essere s i c i l i a n o . Per questo i n S c i a s c i a c'e un clima d'incertezza d'incompletezza e d i suspense. La mafia non pud essere "storicamente interpretata" dice ancora P a s o l i n i e S c i a s c i a "ha capito che non s i pud esprimere oggettivamente una condizione s t o r i c a e umana non r a z i o n a l i z z a t a . " (5) In breve, s i puo affermare che S c i a s c i a essendo uno s c r i t t o r e r e a l i s t a deve, d i conseguenza, essere razionale: ma l a materia che l u i t r a t t a non e r a z i o n a l i z z a b i l e . Passiamo ora ad analizzare i l primo romanzo pubblicato nel 1961 cercando d i dare una dimostrazione d e l l e t e o r i e espresse sopra. (5) Ibid., p. 135. 18 Secondo Cattanei (6) S c i a s c i a ha scelto l a forma del g i a l l o a l i o scopo d i denunciare l e macchinazioni d e l l a mafia e i rapporti t r a mafia e societa, t r a mafia e potere p o l i t i c o . II t i t o l o d i esso, II giorno d e l l a c i v e t t a . e t r a t t o d a l l a tragedia shakespeariana Henry VI che dice: And he that w i l l not f i g h t for such hope go home to bed, and l i k e the owl by day If he a r i s e , be mocked and wondered at. (7) Si parla qui d i Sommerset che piu t a r d i sara s c o n f i t t o e condannato a morte. II s i g n i f i c a t o d i questi v e r s i puo essere cosi interpretato: E molto meglio attenersi a l l e leggi v i g e n t i anche se queste non c i assicurano l a v i t t o r i a . La c i v e t t a e nominata nei due v e r s i i n d i a l e t t o s i c i l i a n o che i l brigadiere dei c a r a b i n i e r i pronuncia allorche a l capitano B e l l o d i e nato i l sospetto che a chiarchiaro s i a celata l a seconda vittima d e l l a mafia. Al chiarchiaro (6) L. Cattanei, L. S c i a s c i a . Firenze: Le Monnier, 1979, p. 58. (7) Shakespeare, Henry VI. Parte I I I , Atto V, Scena IV, Versi 55-57. 19 "c 1incontreremo t u t t i " che forse voleva dire " c i incontreremo t u t t i n e l l a morte." (8) La trama A l l ' a l b a s u l l a piazza del paese Salvatore Colasberna, socio di una cooperativa e d i l e , viene ucciso a c o l p i d i lupara mentre cerca d i prendere l a c o r r i e r a . Con l u i scompare Paolo Ni c o l o s i un uomo onesto che non ha n u l l a a che fare con l a mafia. B e l l o d i , i l capo dei c a r a b i n i e r i , venuto a l l o r a dal nord,investiga i l f a t t o . Da una l e t t e r a anonima i l capitano intuisce che i l crimine e dovuto a l r i f i u t o d e l l a cooperativa d i accettare l a protezione d e l l a mafia. Organizza cosi una rete d' azione. Non s i l a s c i a abbindolare da coloro che vorrebbero metterlo su una f a l s a p i s t a , fa arrestare Saro Pizzucco sebbene questi non e che una pagliuzza d i fronte a l potere d e l l a mafia. II suo scopo pr i n c i p a l e e d i arrivare a l capo mafioso don Mariano Arena. Purtroppo, dopo una breve licenza a Parma, B e l l o d i r i t o r n a e trova che amici e c l i e n t i hanno f o r n i t o t u t t i g l i a l i b i necessari per fare uscire t r i o n f a n t i dal carcere t u t t i g l i (8) II giorno d e l l a c i v e t t a . p. 84. 20 i n c r i m i n a t i . Deluso e confuso B e l l o d i r i t o r n a a Parma. "Ma prima d i arrivare a casa sapeva, lucidamente, d i amare l a S i c i l i a : e che c i sarebbe ritornato. Mi c i rompero l a testa, disse a voce a l t a . " (9) La mafia qui s i presenta i n due a s p e t t i : i rapporti d i essa con l a societa e d i essa con i l potere p o l i t i c o . II senso r e a l i s t i c o e sempre presente specialmente nei due p r i n c i p a l i protagonisti: i l mafioso don Mariano Arena e i l capitano B e l l o d i che rappresenta l a legge. Fin d a l l ' i n i z i o del romanzo c i s i trova d i fronte a l t i p i c o aspetto d e l l 1 omerta. L 1ultimo passeggero dell'autobus d i piazza viene c o l p i t o a morte mentre sale i gradini dell'autobus. Una p a l l o t t o l a ? Due p a l l o t t o l l e ? Non s i sa. Sono testimoni i l conduttore, i l b i g l i e t t a i o , i l venditore di panelle e t u t t i i passeggeri d e l l ' autobus. "Quando l a piazza fu vuota, vuoto era anche 1'autobus." scrive S c i a s c i a . L'autista interrogato dai c a r a b i n i e r i risponde: "Io non guardo mai l a gente che c'e ....solo l a strada (9) Ibid., p. 118. 21 guardo, mi pagano per guardare l a strada..." (10) i l b i g l i e t t a i o e anche l u i molto laconico: "Non mi ricordo..." anche se e stato l u i a staccare i b i g l i e t t i e ricevere i so l d i dei passeggeri. Tanto l ' a u t i s t a che i l b i g l i e t t a i o osservano l a legge del s i l e n z i o a scopo d i protezione come accadde nei s e c o l i passati quando i s i c i l i a n i furono invasi da orde straniere, sebbene per scopi d i v e r s i . Anche i l panellaro interrogato risponde: "Perche, domando i l panellaro meravigliato e curioso, hanno sparato?" (11) Manovre d i mafia sono gia evidenti nel dialogo f r a i l capitano e i f r a t e l l i d e l l a vittima. Salvatore Colasberna aveva messo su una cooperativa e d i l i z i a , l a Santa Fara, insieme a i f r a t e l l i ed a l t r i muratori del paese. I loro l a v o r i erano eseguiti con onesta e senza imbrogli. "No, non pare facessero d i quei l a v o r i che a l l e prime pioggie squagliano..." (12) Percio r i f i u t a n o l a protezione d e l l a (10) Ibid., p. 11. (11) Ibid., p. 13. (12) Ibid., p. 14. 22 mafia contro i l , cosi detto, governo usurpatore. A l l o r a s i r i c o r r e a l i a violenza. Salvatore viene minacciato. Una sera, rincasando, un colpo d i p i s t o l a g l i s f i o r a l'orecchio. "Si capisce che c i sono i t e s t a r d i , q u e l l i che dicono d i no, che non l a vogliono ( l a protezione) e nemmeno con i l c o l t e l l o a l i a gola s i rassegnerebbero ad accettarla, " dice B e l l o d i a i f r a t e l l i Colasberna e s o c i . "Voi, a quanto pare, s i e t e t e s t a r d i : o soltanto Salvatore lo era..." (13) e per questo e stato ucciso. La mafia impone l a sua protezione e coloro che 1 1accettano devono pagare esosi c o n t r i b u t i . "Ottiene per loro appalti...da loro informazioni preziose per vincere le a l t r e d i t t e concorrenti...vi aiuta a l momento del collaudo; v i tiene buoni g l i operai..." (14) I guai vengono se s i r i f i u t a n o d i aderire a l loro gioco. Tutte queste supposizioni i n bocca d i B e l l o d i danno una chiara visione d e l l e manovre usate d a l l a mafia che, con i l pretesto d i proteggere, s f r u t t a invece l e piccole imprese e d i l i z i e . (13) Ibid., p. 18. (14) Ibid., p. 19. 23 Un a l t r o fattore che non puo sfuggire a chi legge i l romanzo e 1 1atteggiamento assunto dai membri d e l l a cooperativa dei Colasberna mentre siedono i n caserma, i n attesa del colloquio con i l capitano. "Bruciavano d i vergogna per i l luogo i n cui s i trovavano e per 1'attesa. Niente e l a morte in confronto a l i a vergogna." (15) L'onore personale e quello d e l l a famiglia hanno un valore insuperabile n e l l a morale dei s i c i l i a n i i n genere. Ancora un a l t r o fattore e interessante r i l e v a r e cioe 1 1atteggiamento del gruppo suddetto d i fronte a l carabiniere Esposito (lo s b i r r o ) . "I f r a t e l l i Colasberna e i loro soci d a l l a presenza (di Esposito) ebbero mortale inquietudine, II terrore d e l l a spietata inquisizione..." (16) Questo f l a s h back r i p o r t a i l l e t t o r e a l tempo d e l l a t i r a n n i a spagnola n e l l ' i s o l a che, insieme ad a l t r e invasioni, causo l a legge del s i l e n z i o a scopo d i di f e s a personale e fami l i a r e . Durante 1 1interrogatorio s i ha una visione chiara d i come l a paura fa agire l e vittime d e l l a mafia. (15) Ibid., p. 15. (16) Ibid., p. 18. 24 Sciascia indugia su t u t t i i p a r t i c o l a r i che fanno muovere i suoi personaggi: i l loro atteggiamento, 1 1espressione del loro viso, i movimenti impacciati. Quando i l capitano dice loro che ha ricevuto cinque l e t t e r e anonime sul caso i n questione " i soci con rapida occhiata s i consultarono." Quando spiega loro come l a mafia agisce riceve un'altra rapida occhiata d i consultazione a l i a quale Giuseppe Colasberna risponde; "Di queste cose non sappiamo n i e n t e . . . g l i a l t r i con facce stralunate, annuirono..." (17) A l i a f i n e del discorso del capitano Giuseppe dice;"...non l e ho mai sentite queste cose., e i l f r a t e l l o e i soci fecero mimica d i approvazione." (18) Sembra d i v e d e r l i questi poveri d i a v o l i a g i t a r s i come se fossero seduti su t i z z o n i ardenti: "...eludevano lo sguardo del capitano: s i guardavano l e mani e poi alzavano g l i occhi a l r i t r a t t o del comandante dell'Arma, a quello del Presidente d e l l a Repubblica, a l C r o c i f i s s o . " Quando B e l l o d i ricorda loro l a minaccia d e l l a mafia d i s e i mesi prima; minaccia che voleva d i r e : Se non accettate l a nostra (17) Ibid., p. 18. (18) Ibid., p. 19. 2 5 protezione v i faremo f u o r i , Giuseppe f a r f u g l i d che l u i non aveva mai saputo n u l l a a l riguardo. G l i s t e s s i p a r t i c o l a r i vengono d e s c r i t t i felicemente dall'autore quando due mafiosi s 1incontrano i n un caffe d i Roma. E bene r i l e v a r e che i l romanzo pud essere v i s t o da due punti di v i s t a . II primo punto riguarda i d e l i t t i e i progressi che i l capitano B e l l o d i f a per scoprire i c o l p e v o l i . II secondo punto inveee trapela attraverso l e scene staccate d i personaggi anonimi che alludono a i legami d e l l a mafia con i l governo d i Roma; le manovre dei capi mafiosi s i c i l i a n i e l a p o l i t i c a . Tutto cio serve a distruggere i l d i l i g e n t e e i n t e l l i g e n t e lavoro del capitano nel cercare d i smascherare i l colpevole. La terza vittima d e l l a mafia e i l confidente Parineddu. Un ominuccolo che s i dist r e g g i a t r a due cosche interessate a i la v o r i p u b b l i c i e a l contrabbando d i sigarette. E l u i che r i v e l a i l nome del colpevole scrivendo due nomi su d i un pezzo d i carta che consegna poi a B e l l o d i . Parineddu stesso, dice Sciascia, "aveva s c r i t t o : Sono morto. Ed eccolo morto 2 6 quasi s u l l a s o g l i a d i casa..." (19) Lui sapeva che i mafiosi non perdonano ma perdette l a v i t a soprattutto per quella maledetta paura d i essere scoperto. Sapeva che era sospettato ed i l suo comportamento o f f r i v a 11immagine del "tradimento consumato." Sc i a s c i a da a l l e t t o r e un 1 idea esatta d e l l e ultime ventiquattro ore del confidente che " s i svolsero a t r o c i e frenetiche" t r a i l rimorso e l a paura d e l l a vendetta inesorabile che pesava su d i l u i . Continua i l meccanismo d e l l e indagini guidato e controllato dai c a r a b i n i e r i e dal capitano. E questi che distingue e c l a s s i f i c a i l comportamento de g l i i n d i z i a t i isolando i f a l s i i n d i z i da q u e l l i v e r i f i n o a che riesce a scoprire l e cause r e a l i del primo d e l i t t o e dei seguenti. II capitano sa come l a mafia agisce togliendosi d i mezzo coloro che sanno troppo. A l i a f i n e i l colpevole esce f u o r i ma l a g i u s t i z i a non riesce a f a r g l i scontare l a pena. Perche? Perche l a mafia con r a g g i r i e manovre losche ( s i compra i testimoni) riesce a f a r s i beffa d e l l o Stato e d e l l e sue l e g g i . E bene inteso che questo mostro non tiene i n nessun conto lo Stato. Per i mafiosi lo Stato non e s i s t e : sono loro lo Stato (19) Ibid., p. 54. 27 e s i fanno g i u s t i z i a da s o l i e secondo i loro c r i t e r i basati s u l l a prepotenza. Se poi ammettono che c'e uno Stato, esso e solo "un'entita d i fatt o r e a l i z z a t a d a l l a forza che impone le tasse, i l s e r v i z i o m i l i t a r e , l a guerra, i l carabiniere." (20) Fin qui Sci a s c i a ha seguito fedelmente l a struttura del romanzo p o l i z i e s c o . Dopo g l i interrogator! con l e consuete t a t t i c h e incluso l'uso del confidente, s i passa a l i a seconda fase: quella p o l i t i c a che dominera tutto i l resto del romanzo. Le scene staccate Nella prima d e l l e cinque scene staccate 1'autore introduce due personaggi del sottogoverno che, i n un caffe d i Roma, stanno parlando del capitano B e l l o d i , del suo passato e i l d e l i t t o che sta investigando. II capitano, dice l'uomo i n nero, e stato un partigiano ed un comunista ed "ora sta ficcando i l naso n e g l i a p p a l t i . . . " L'onorevole, l'uomo biondo, g l i promette che, con 1'influenza del governo, fara (20) Ibid., p. 93. 28 rimettere l a cose a posto i n paese. La loro preoccupazione pr i n c i p a l e e d i fare "ritornare a mangiare polenta" (21) a l capitano che prende troppo sul serio i l suo ruolo d 1investigatore e mette i n luce g l i a f f a r i l o s c h i d e l l a mafia i n S i c i l i a . L'eccellenza e preoccupato d e l l o zelo d i B e l l o d i . E "... uno che vede l a mafia da ogni parte: uno di quei s e t t e n t r i o n a l i con l a testa piena d i p r e g i u d i z i , che appena scendono d a l l a nave-traghetto cominciano a vedere l a mafia dovunque..." (22) Saranno guai se l u i s i convincera che Colasberna e stato soppresso dai mafiosi. Nella seconda scena un eccellenza " s c e t t i c o s u l l a mafia" vorrebbe trovare una soluzione rapida d i come fare mettere a tacere i l d e l i t t o . "Bisogna trovare subito chi lo ha ammazzato: subito, subito, in modo che i l ministro (Mancuso) possa rispondere che Colasberna e stato vittima d'interesse o d i corna, e che l a p o l i t i c a non c'entra." (22) (21) Ibid., p. 25. (22) Ibid., p. 31. 29 II vecchio d e l l a terza scena staccata e don Mariano Arena, i l boss mafioso sospettato dal capitano d i evere f a t t o assassinare Salvatore Colasberna. II giovane che lo ascolta e Marchica, i l suo braccio destro. Marchica (Zicchinetta) e de s c r i t t o come un "delinquente abilissimo ed accorto, s i c a r i o d i assoluta f i d u c i a " ma, sotto 1'influenza del vino e capace d 1 "improvvise svampate." (23) Ha anche buoni rapporti con l'onorevole L i v i g n i i l quale, ad un comizio, aveva i n s i s t i t o d i non capire che cosa s i a l a mafia e se e s i s t a ; "...e posso i n perfetta coscienza d i c a t t o l i c o e d i ci t t a d i n o g i u r a r v i i n v i t a mia che non ho mai conosciuto un mafioso". (24) Percio Marchica puo contare su d i l u i se s i trova i n d i f f i c o l t a con l a legge. Ci sono due categorie d i s b i r r i , dice don Mariano. S b i r r i non c i s i diventa ma c i s i nasce. Coloro che fanno dei favori o che cercano d i barcamenarsi i n estreme s i t u a z i o n i , non sono s b i r r i . Solo coloro che sono s p i e t a t i e usano e abusano d e l l a legge per f a r s i obbedire, q u e l l i s i che sono s b i r r i . (23) Ibid., p. 46. (24) Ibid., p. 47. 30 Tutto questo f i l o s o f a r e del capo mafioso viene soltanto d a l l a preoccupazione d i cio che g l i s b i r r i stanno tessendo dopo che "quel cornuto d i Parrineddu" ( i l confidente) ha svelato su d i l u i a i c a r a b i n i e r i . Don Mariano appare come un criminale astuto e r i f l e s s i v o . "...e a proposito: quel cornuto d i Parineddu mi fa venire sospetti i n questo movimento d i s b i r r i l a sua zampa c i deve essere per forza..." (25) Cio che don Mariano aveva previsto e avvenuto. Sc i a s c i a ne da conferma quando informa i l l e t t o r e che don Mariano Arena e stato arrestato. Nella quarta scena staccata uno dei due personaggi anonimi vuole convincere 1 1 a l t r o che l a mafia i n S i c i l i a non e s i s t e . "... Ditemi voi se e p o s s i b i l e concepire l'esistenza d i un 1associazione criminale cosi vasta ed organizzata, cosi segreta, cosi potente da dominare non solo mezza S i c i l i a , ma a d d i r i t t u r a g l i S t a t i U n i t i d'America: e con un capo che sta (25) Ibid., p. 51. 31 qui i n S i c i l i a . . . E d ancora: "E mai stato trovato un documento, una testimonianza, una prova q u a l s i a s i che c o s t i t u i s c a sicura relazione t r a un f a t t o criminale e l a cosi detta mafia?" (26) Cosi 11anonimo s i c i l i a n o difende i l capo mafioso e l'autore, a l i o stesso tempo, dimostra 1 1 i n c o m p a t i b i l i t a t r a l a legge e l a S i c i l i a . Dopo 1' arresto d i don Mariano e i l fa l s o verbale cosi bene orchestrato dai c a r a b i n i e r i , l e acque s 1intorbidano sempre piu. II dialogo f r a l e due eccellenze nel mezzo d e l l a notte a l telefono f a intravedere l o scompiglio e le ansie d i Sua eccellenza a Roma dopo che un giornale romano d e l l a sera ha pubblicato una foto del ministro Mancuso con a fianco don Mariano. II ministro difende i l capo mafioso? Certamente! La foto e una prova i n d i s c u t i b i l e che esistono rapporti amichevoli f r a i due. II giornale d e l l a sera pubblica questo annunzio: "L'inchiesta del capitano B e l l o d i raggiungerebbe anche i l ministro Mancuso." (27) S c i a s c i a r i p o r t a una conversazione (26) Ibid., p. 60. (27) Ibid., p. 88. 32 t r a mafiosi n e l l a quale vengono f u o r i f a t t i loschi n e l l a v i t a d i don Mariano. E s s i temono che i l boss ormai vecchio abbia perduto l a sua spavalderia e f i n i s c a col dire tutto distruggendo cosi se stesso e t u t t i i mafiosi. Durante i l colloquio f r a B e l l o d i e don Mariano, quest'ultimo dimostra una certa maestria e sicurezza nel rispondere. Sembra quasi una conversazione f r a amici. C'e una certa i r o n i a n e l l e domande del capitano. A l i a f i n e pero, B e l l o d i s i rende conto d i essere stato s c o n f i t t o . "E i n u t i l e , B e l l o d i r i f l e t t e , tentare d'incontrare nel penale un uomo come costui: non c i saranno mai prove s u f f i c i e n t i , i l s i l e n z i o d e g l i onesti e dei disonesti lo proteggera sempre." (28) B e l l o d i ha saputo manipolare Marchica costringendolo a confessare l a sua colpa ma non pud n u l l a contro i l capo mafioso i l quale da a l u i l ' a t t r i b u t o d i essere un uomo: "Lei e un uomo!" E un uomo perche non tortura l a sua vittima. "Da questo posto dove l e i s i trova (dice don (28) Ibid., p. 99. 33 Mariano) e f a c i l e mettere i l piede s u l l a f a c c i a d'un uomo: e l e i invece ha r i s p e t t o . . . " -Io dunque non l a offendo? -No: l e i e un uomo. Afferma ancora don Mariano. (29) Ed eccoci a l i a quinta scena staccata che e l a piu p i t t o r e s c a d i tutto i l romanzo. Due s i c i l i a n i sono presenti, s t u p i t i e in c r e d u l i , a l i a tempesta che s i scatena a Montecitorio proprio s u l l a investigazione condotta da B e l l o d i i n S i c i l i a i n cui sembra implicato don Mariano Arena. Cornuti vengono chiamati quei f a s c i s t i che affermano che a l tempo del fascismo l a mafia i n S i c i l i a era stata domata o meglio c o n t r o l l a t a e che quel fenomeno, secondo alcuni parlamentari, e s i s t e solo nell 1immaginazione d e l l a s i n i s t r a . La c r i t i c a "Don Mariano, dice F i l i p p o C i l l u f f o , e un Innominato che non s i converte per l a semplice ragione che e saldamente (29) Ibid., p. 101. 34 i n s e r i t o nell'ordine assicurato d a l l a sua g i u s t i z i a , d a l l a rete dei suoi appoggi che non s i limitano a l i a S i c i l i a solamente ma vanno fino a Roma, a Montecitorio". (30) Don Mariano Arena s i erge come figu r a epica ma i n senso negativo e, come afferma Walter Mauro, possiamo dire che "rappresenta i l simbolo d i una mafia i n v i n c i b i l e , che non s i l a s c i a abbattere dai tempi nuovi che scavalcano i vecchi, ed e sempre i n e f f i c i e n z a , i n grado d i reagire i n v i r t u d i una sorta d i sapienza popolare che s f i o r a i l i m i t i d e l l a saggezzza." C'e i n l u i qualcosa d i demoniaco quando dice a l suo giovane compagno "Noi, caro mio, camminiamo s u l l e coma degli a l t r i come se ballassimo. . ." (31) In questo modo l u i vuole mostrare l a sua sicurezza e l a sua potenza non provando alcun rimorso nel sopprimere coloro che g l i i n t r a l c i a n o l a v i a . La sua morale negativa g l i fa g i u s t i f i c a r e tutte l e sue azioni i l l e c i t e . (30) F. C i l u f f o , "L. S c i a s c i a : cinque immagini d e l l a S i c i l i a " , i n : Nuovi Ouaderni del Meridione r Anno 3, No. 12, (1965), p. 490. (31) II giorno d e l l a c i v e t t a , p. 50. 35 Bel l o d i invece e 1 1eroe po s i t i v o e i n t e l l i g e n t e . Rappresenta l a g i u s t i z i a ma non e uno s b i r r o . (32) Dimostra consapevolezza e maturita so c i a l e . II suo piano ben delineato e destinato a f a l l i r e solo perche l a legge e lo Stato non esistono per i mafiosi s i c i l i a n i . Prepara i suoi piani con astuzia per fare cadere i n trappola i l vecchio mafioso ma l a grande macchina d e l l e amicizie e d e l l e c l i e n t e l e , e un grande numero d i a l i b i per coloro che sono sospettati, l i fanno uscire t r i o n f a n t i dal carcere. In B e l l o d i s i rispecchia lo stesso Sc i a s c i a l a cui funzione "tipicamente i l l u m i n i s t i c a , e quella d i c h i a r i r e , attraverso le d i v i s i o n i d e l l a coscienza, 1 1arsa e solare S i c i l i a a se stessa, d i r i p o r t a r l a nel tempo d e l l a c i v i l t a e d e l l a s t o r i a , essa f u o r i del tempo e d e l l a s t o r i a , ormai da data immemorabile." (33) Nella s c o n f i t t a del capitano S c i a s c i a vede l a sua speranza c i v i l e soffocata e delusa. (32) L. Sciascia, p. 60. (33) L.Sciascia. La v e r i t a , L'Aspra v e r i t a , (Vito Amoruso, i n : Nuova corrente, No. 22, aprile-giugno 1961), p. 277. 36 Conclusione Si puo di r e con Sci a s c i a che: La famiglia e lo stato del s i c i l i a n o . Lo Stato, quello che per noi e lo Stato, e f u o r i ; e n t i t a d i fatto r e a l i z z a t a d a l l a forza... Sarebbe troppo (al si c i l a n o ) chiedergli d i v a l i c a r e i l confine t r a l a famiglia e lo Stato. Magari s i infiammera d e l l ' i d e a d e l l o Stato o s a l i r a a d i r i g e r e i l governo (a suo proprio vantaggio come s i puo bene immaginare): ma l a forma precisa e d e f i n i t i v a del suo d i r i t t o e del suo dovere sara l a famiglia, che consente piu breve i l passo verso l a v i t t o r i o s a s o l i t u d i n e . " (34) Solitudine e s i l e n z i o che sono l e c a r a t t e r i s t i c h e dei s i c i l i a n i i n generale. Breve commento su questo primo romanzo d i Sc i a s c i a d i Claude Ambroise: II Giorno d e l l a c i v e t t a fu una novita s u l l a s o g l i a degli anni Sessanta poiche, i n quel periodo non s i soleva discutere d e l l a mafia sui g i o r n a l i come avviene oggi. (34) II giorno d e l l a c i v e t t a . p. 93. 37 Ma 1 1 o r i g i n a l i t a del romanzo e anche d i ordine s o c i o l e t t e r a r i o . Dice S c i a s c i a durante un d i b a t t i t o a Palermo nel 1965: Indubbiamente l a mafia e un problema nostro. Io ne ho fatt o un 1esemplificazione narrativa: fino a quel momento s u l l a mafia esistevano degli studi, studi molto int e r e s s a n t i , c l a s s i c i a d d i r i t t u r a : esisteva una commedia d i un autore s i c i l i a n o che era un'apologia d e l l a mafia ma nessuno che avesse messo 1 1accento su questo problema i n un'opera narrativa d i lungo consumo. Io 11 ho f a t t o . (35) (35) C. Ambroise, Opere d i L. Sciascia, Milano: Bompiani, 1989, p. x x x v i i . 38 CAPITOLO II A ciascuno i l suo (1966) A ciascuno i l suo e i l secondo romanzo g i a l l o d i Leonardo Sci a s c i a pubblicato nel 1966. In una l e t t e r a del 10 novembre 1965, Calvino cosi scriveva a l i o s c r i t t o r e ; "Ho l e t t o i l tuo g i a l l o che non e un g i a l l o , con l a passione con cui s i leggono i g i a l l i , e i n piu i l divertimento d i vedere come i l g i a l l o viene smontato, anzi come viene dimostrata 1'impossibilita del romanzo g i a l l o nell 1ambiente s i c i l i a n o . " (1) Onofri g l i fa eco chiamandolo una "parodia del romanzo p o l i z i e s c o " . (2) (1) Leonardo Sciascia, Le Opere a cura d i Claude Ambroise. Milano: Bompiani, 1989, p. XXXIX. (2) Massimo Onofri, S t o r i a d i Sci a s c i a . B a r i : Laterza, 1994, p. 131. 39 II l i b r o viene accolto bene d a l l a S i n i s t r a e Giancarlo F e r r e t t i s i esprime c o s i : E "un romanzo che sarebbe piaciuto a Gramsci" forse perche rispecchia 11impegno e l a passione d e l l 1 i n t e l l e t t u a l e organico n e l l a veste del professor Laurana. Anche qui, come n e l l a prima opera, l a str u t t u r a e da romanzo po l i z i e s c o ; ma i l f i n a l e e completamente f u o r i d e l l 1 o r d i n a r i o . Si fa appena accenno a interrogator!, sondaggi da parte dei c a r a b i n i e r i ma e 1 1 opera s o l i t a r i a d i un investigatore d i l e t t a n t e che, non rendendosi conto del pericolo che sta correndo, diviene vittima d i c o l u i che ha soppresso i l dottor Roscio e i l farmacista Manno. Dopo questo duplice d e l i t t o che fa scattare l a molla dell'azione, t u t t a l a vicenda s i richiude i n se stessa, s i blocca lasciando i l l e t t o r e perplesso e insoddisfatto. Chi invece t r i o n f a e l a mafia, questa macchina i n v i n c i b i l e che non cessa d i seminare vittime. L'ambiente s i c i l i a n o d e g l i anni sessanta Durante g l i anni sessanta, i n S i c i l i a affiorano due aspetti s o c i a l i : i l tentativo d i in d u s t r i a l i z z a z i o n e , con l a 40 scoperta del p e t r o l i o e metano, i l fenomeno d e l l a emigrazione con a l t r i v a r i fenomeni s o c i a l i come 1 1emancipazone femminile, contadini e br a c c i a n t i divenuti operai s p e c i a l i z z a t i , nascita d i p i c c o l i e grandi imprenditori e tutto c i o e i n contrasto con i l vecchio mondo che ostacola, con l a sua immobilita, un vero rinnovamento sociale e c i v i l e d e l l ' i s o l a . La trama L' i n t r e c c i o ' d i questa seconda s t o r i a d i mafia e sostanzialmente d i f f e r e n t e da quello analizzato sopra. Anche qui c i sono due morti e uno dei due e stato un errore ben calcolato d a l l 1 a s s a s s i n o . Questa v o l t a lo s c r i t t o r e introduce un i n t e l l e t t u a l e , i l professor Paolo Laurana, che per pura c u r i o s i t a s i mette s u l l a p i s t a dell'assassino o assassini senza rendersi conto d i r i s c h i a r e l a sua v i t a . Non c'e ne l'epica f i g u r a del boss mafioso don Mariano con una f i l o s o f i a t u t t a sua, ne l a "nordica coscienza" del capitano dei c a r a b i n i e r i B e l l o d i . Tutta l a vicenda s i svolge in un borgo agrigentino e f r a s i c i l i a n i solamente t r a l e chiacchiere i n farmacia e a l caffe, g l i i n t r a l l a z z i dei 41 n o t a b i l i , l'ossessione del sesso, l e maldicenze mescolate con trovate umoristiche. Ad una p a r t i t a d i caccia vengono u c c i s i i l dottor Roscio e i l farmacista Manno. Quest 1 ultimo era gia stato minacciato d i morte da una l e t t e r a anonima pervenutagli qualche giorno prima che lo accusava d i una colpa infondata. II maresciallo che investiga i l caso segue una p i s t a sbagliata, non da nessuna importanza a l i a parola unicuique l e g g i b i l e sul retro dei r i t a g l i d i giornale i n c o l l a t i per comporre l a l e t t e r a anonima e r i t a g l i a t a dal giornale c a t t o l i c o L 1osservatore romano. Quale parola c'era dietro 1'unicuique che l a stessa mano che aveva spento poi due v i t e aveva r i t a g l i a t o e i n c o l l a t o sul foglio? La parola condanna? La parola morte? (3) II detective d i l e t t a n t e invece, ne rimane i n c u r i o s i t o e va in cerca d i c h i , i n paese, legge questo giornale. Le uniche persone che lo ricevono sono i l parroco d i S.Anna e l'Arciprete Rosello. Comincia qui l a sua investigazione. (3) Leonardo Sciascia, A ciascuno i l suo, Torino: Einaudi, 1966, p. 38. 42 L'Arciprete e lo zio dell 1avvocato Rosello e d e l l a vedova Roscio l a quale, prima d i sposarsi aveva avuto una relazione amorosa col cugino, possibilmente continuata anche dopo. Sul luogo del d e l i t t o i l professore trova un mozzicone d i sigaro Branca. Segue questo i n d i z i o e scopre c o l u i che ha commesso i due d e l i t t i , v o l u t i dall'amante d e l l a signora Roscio. La vittima da eliminare e percio i l dottor Roscio mentre i l farmacista Manno e una f a l s a t r a c c i a per confondere i c a r a b i n i e r i . Laurana, ingenuamente, s i confida con 1 1avvocato e questi lo fa uccidere, non solo perche ha scoperto l a tresca con l a cugina, ma anche perche durante 1 1indagine vengono a l i a luce i suoi a f f a r i loschi e mafiosi. I personaggi chiave Uno dei personaggi che da s p e c i f i c i i n d i z i a l professore e i l vecchio Roscio, padre d i una d e l l e due vittime. Le sue r i f l e s s i o n i s u l l a famiglia c a t t o l i c a a cui appartiene l a nuora non sono molto lusinghiere. La chiesa "e sempre pronta a mettere l a mano n e l l e tasche de g l i a l t r i . . . a t i r a r e un ca l c i o a l i a f a c c i a d i un moribondo..." (4) Riferendosi a l i a (4) Ibid., p. 61. 43 nuora aggiunge: "...una femmina d i quelle che...si dicevano da l e t t o . " (5) Come s i sa, l a signora Luisa aveva avuto una relazione amorosa col cugino (1'avvocato) noto a l professore come avido e spregiudicato notabile, quando vivevano entrambi i n casa d e l l o zio arciprete, ma quest'ultimo aveva r i f i u t a t o d i s p o s a r l i . E evidente se non e s p l i c i t o , che i l novantenne Roscio accusa i Rosello per l a morte del f i g l i o . La posizione del vecchio o c u l i s t a va implicitamente a sanzionare, e come i n chiave apologetica, l a societa iniqua e criminosa i n cui suo f i g l i o soccombe. (6) II secondo personaggio chiave e don Benito d i Montalmo, i l cui f r a t e l l o e stato compagno d i l i c e o d i Laurana. E da l u i che i l professore viene a conoscere p a r t i c o l a r i s a l i e n t i s u l l ' uomo che fuma i s i g a r i Branca e che e stato, senza dubbio, 1 1esecutore dei due d e l i t t i . A l cosi chiamato pazzo S c i a s c i a da i l compito d i parlare d e l l a tragedia sociale dell'emigrazione, d e l l e misere condizioni dei contadini, d e l l e s o l f a r e e d e l l e s a l i n e . Viene espressa cosi l a r e a l t a s i c i l i a n a d a l l e labbra d'un uomo chiuso f r a l e (5) Ibid., p. 62. (6) S t o r i a d i Sciascia, p. 129. 44 q u a t t r o m u r a d e l l a s u a b i b l i o t e c a , u n "uomo l i b e r o i n u n p a e s e c h e n o n l o e ." I I t e r z o p e r s o n a g g i o c h i a v e e u n a l t r o compagno d i s c u o l a d e l p r o f e s s o r e e d e l d o t t o r R o s c i o c h e L a u r a n a i n c o n t r a p e r c a s o i n u n r i s t o r a n t e a P a l e r m o m e n t r e e c o m m i s s a r i o d i e s a m i a l l i c e o . Q u e s t i a v e v a f a t t o u n a b r i l l a n t e c a r r i e r a p o l i t i c a . E r a c o m u n i s t a : d a s e g r e t a r i o d i s e z i o n e i n u n p i c c o l o p a e s e e r a d i v e n t a t o d e p u t a t o r e g i o n a l e e p o i n a z i o n a l e . P a r l a n d o d e l c a s o R o s c i o , i l d e p u t a t o r a c c o n t a c h e i l d o t t o r e e r a a n d a t o a Roma, p e r d o m a n d a r m i s e e r o d i s p o s t o a d e n u n c i a r e a l i a C a m e r a , s u i n o s t r i g i o r n a l i , n e i c o m i z i , u n n o t a b i l e d e l v o s t r o p a e s e , u n o c h e a v e v a i n mano t u t t a l a p r o v i n c i a , c h e f a c e v a e d i s f a c e v a , c h e r u b a v a , c o r r o m p e v a , i n t r a l l a z z a v a . . . ( 7 ) I I d o t t o r R o s c i o p o s s e d e v a u n d o s s i e r d o v e a v e v a d o c u m e n t i c h e p r o v a v a n o l a c o l p e v o l e z z a d e l l ' u o m o i n q u e s t i o n e ma n o n a v e v a a n c o r a f a t t o i l s u o nome, p e r c h e e r a u n a " c o s a (7) A c i a s c u n o i l s u o . p . 5 4 . 45 talmente d e l i c a t a , talmente personale..." (8) II suo r i v o l g e r s i a l deputato comunista non r i s u l t a motivato da c i v i l e impegno ma da un disegno r i c a t t a t o r i o a sfondo sessuale (problema d i corna). (9) Questa r i f l e s s i o n e d i Ambroise fa apparire i l dottor Roscio come un uomo meschino e pud d i s t o r g l i e r g l i l e simpatie d i un vasto numero d i l e t t o r i i quali simpatizzano con l u i . Dalla conversazione dei due compagni d i scuola s i viene a sapere che i l dottore era un medico d i paese d ' a l t r i tempi...guadagnava bene, aveva fama d i buon medico... amava i l suo mestiere, l a caccia...ritengo amasse moltissimo l a moglie (sono parole d i Laurana), adorava l a bambina... Denaro ne aveva...non aveva ambizioni... (10) Ed era anche caritatevole. "...lasciava a g l i ammalati poveri i s o l d i per le medicine..." (10) (8) Ibid., p. 55. (9) Claude Ambroise, Invito a l i a l e t t u r a d i S c i a s c i a . Milano: Mursia, 1974, p. 127. (10) A ciascuno i l suo. p. 57. 46 Un a l t r o personaggio chiave e i l parroco d i S. Anna, "Un personaggio c i n i c o ma lucido..." (11) dice Onofri, antenato del don Gaetano d i Todo modo ( 1 1 a l t r o g i a l l o sciasciano) i l quale da una chiara ed e s p l i c i t a visione dell'avvocato Rosello s i a come uomo che come a t t i v i s t a . Rosello "E un cretino non privo d i astuzia..." (12), consi g l i e r e e consulente tecnico d'amministrazione d e l l a F u r r a r i s , consigliere d e l l a banca T r i n a c r i a , presidente d'una associazione per l'estrazione d i marmi p r e g i a t i i n una zona dove un pezzo d i marmo pregiato non s i troverebbe nemmeno se ce lo portassero apposta; co n s i g l i e r e provinciale che ha consigliato a l suo p a r t i t o (democristiano, naturalmente! "Un ducetto democristiano" (13) come lo chiama Di Grado) d i abbandonare l'alleanza coi f a s c i s t i e sc h i e r a r s i a s i n i s t r a ed ora e benvoluto anche dai comunisti." (11) S t o r i a d i Sci a s c i a . p. 127. (12) A ciascuno i l suo. p. 73. (13) A. Di Grado, Leonardo Sc i a s c i a . La Fiaura e 1'opera. Marina d i P a t t i (ME): Pungitopo, 1986, p. 28. 47 Negli a f f a r i p r i v a t i Rosello ha un paio d i societa e d i l i z i e , una t i p o g r a f i a , una societa d i t r a s p o r t i . Negli a f f a r i loschi ...se mi confidassero (dice i l prelato) che passa d a l l e sue mani anche l a t r a t t a d e l l e bianche, c i crederei senza che me l o giurassero. (14) A questo punto, trovando i l prete senza pr e g i u d i z i e non corrotto; un uomo li b e r o , insomma che per d i piu aveva "una profonda avversione nei riguardi d e l l ' a r c i p r e t e " (15), Laurana sta quasi per svelare i l suo sospetto, ma s i astiene perche questi e troppo loquace. Laurana e B e l l o d i Paolo Laurana, professore d ' i t a l i a n o e s t o r i a a l l i c e o c l a s s i c o d i Palermo e un pendolare e un s o l i t a r i o . A quarant'anni non e sposato perche scontroso e timido e sotto le a l i d e l l a madre vedova. E per d i r l a con Luigi Baldacci "e scapolo perche l a soggezione materna non g l i consente i l (14) A ciascuno i l suo. p. 74. (15) Ibid., p. 75. 48 diversivo d i un amore e s p l i c i t o " . (16) Le sue passioni sono tutte d i testa e s i afflo s c i a n o non appena prevede un eventuale incontro o contatto con i l sesso opposto. Diviene un investigatore improvvisato perche spinto da c u r i o s i t a , e svolge l a sua indagine come se questa fosse un processo i n t e l l e t t u a l e e razionale. E s i c i l i a n o e conosce l'ambiente e l e abitudi n i del piccolo paese d i provincia. Oltre a Laurana, Sc i a s c i a s i diverte anche nel descrivere l e chiacchiere i n farmacia, g l i i n t r a l l a z z i dei n o t a b i l i , l'ossessione del sesso, l e maldicenze e l e stramberie d e g l i a b i t a n t i . Ma non e s u p e r f i c i a l e perche l a sua attenzione e r i v o l t a appassionatamente a l i o studio e a l i a comprensione d e l l a r e a l t a s i c i l i a n a . B e l l o d i , come capitano dei c a r a b i n i e r i , f a uso d i t u t t i g l i strumenti d i cui l a legge dispone servendosi anche d i un confidente. Segue soprattutto un piano preciso da l u i stesso escogitato e non molla anche se i r i s u l t a t i sembrano negativi. Ha i n se dil i g e n z a , esperienza e acume ma non e s i c i l i a n o ; cioe non nato e cresciuto i n S i c i l i a . (16) Antonio Motta, L. Sci a s c i a : La v e r i t a . L'aspra v e r i t a . Manduria: Lacaita, 1985 (Luigi Baldacci, i n : Epoca. 20 marzo 1966), 1985, p. 306. 49 Laurana e Miss Marple Paolo Laurana, i l detective improvvisato, f a pensare a Miss Marple dei g i a l l i d i Agatha C r i s t i e sebbene i due siano d i v e r s i i n alcuni a s p e t t i . Cio che l i accomuna e l a c u r i o s i t a . Jane Marple e una vecchietta che vive i n un piccolo paese inglese. E piena d i s p i r i t o , curiosissima (non ha niente a l t r o da far e ) , i n t e l l i g e n t e "che r i s o l v e i n t r i c a t i s s i m i casi c r i m i n a l i piu per analogie che per i n d i z i . " (17) Invece i l professor Laurana viene considerato dai suoi compaesani un uomo mediocre "con momenti d i p o s i t i v a o t t u s i t a " . E ingenuo a l punto d i confidarsi col suo nemico e quando scopre l a v e r i t a e troppo t a r d i e perde l a v i t a , cosi che 1 1epiteto datogli da don L u i g i , uomo assuefatto a i costumi mafiosi e che l i subisce passivamente, sembra g i u s t i f i c a t o . II notaio P e c o r i l l a nel mezzo d i una conversazione lo prega d i non di r e " f e s s e r i e " . Don Luigi (17) Leonardo Sciascia, II cruciverba, Torino: Einaudi, 1983, p. 226. 50 Corvaia mette i n luce l a sua dabbenaggine. La vedova Manno, rifer e n d o s i a g l i a f f a r i mafiosi dell'avvocato Rosello, chiama i l professore "l'uomo che s i occupa soltanto dei suoi studi," incapace d i "vedere certe cose". E, come dice Onofri, "Laurana non da ascolto a i pettegolezzi d i un paese che gia conosce t u t t a l a v e r i t a . . . " (18) Paradossalmente, l a " v e r i t a s i c i l i a n a " e dunque f a c i l e da reperire. Osservazioni sul romanzo Tutto i l racconto e intessuto sull 1ambiente siciliano,come e gia stato accennato, permeato d i pessimismo e d e l l a i m p o s s i b i l i t a d i trasformare i n senso progressista l e contraddizioni e le i n g i u s t i z i e d e l l a gente del luogo che sembra condannata all 1immobilismo da s e c o l i . In aggiunta a l pessimismo che circonda tutto i l paese, Sci a s c i a usa anche l ' i r o n i a e i l sarcasmo convinto che non c i s i a modo d i r i s o l v e r e i l mistero del doppio assassinio i n maniera r e a l i s t i c a ma soltanto con supposizioni piu o meno p l a u s i b i l i . (18) S t o r i a d i Sc i a s c i a . p. 126. 51 II personaggio sciasciano e a volte ironico e a volte sarcastico. E ironico allorche Laurana, leggendo una frase n e l l a pagina del l i b r o aperto s u l l a s c r i v a n i a del defunto dottor Roscio monologa c o s i : ...1'ordinamento d i un sistema! E dov 1e qui i l sistema? C'e mai stato, c i sara mai?... a meno che non s i voglia considerare sistema quello i n cui i l povero Roscio e scomparso. (19) In questo monologo s i nota che i rapporti umani sono d i s t o r t i e confusi; l a speranze e g l i i d e a l i sono f r u s t r a t i causando disordine e smarrimento. Fin dal secondo capitolo lo s c r i t t o r e s i esprime con i r o n i a pungente quando, dopo l ' o r r i b i l e carneficina del farmacista e del dottore, i nove cani entrano i n paese ...correndo i n branco serrato e cosi misteriosamente ululando che t u t t i . . . n e ebbero un brivido d i pauroso presentimento...cosi intrupppati e gementi...si diressero a l magazzino che i l farmacista aveva adibito a canile: e (19) A ciascuno i l suo r p. 69. 52 davanti a l i a porta chiusa ...raddoppiarono g l i u r l i . . . (20) Non sfugge pero i l commento ironico dell'autore ...che se anche l a parola avessero avuto, i n quella circostanza i cani sarebbero dive n t a t i come mutoli... (21) di fronte a l maresciallo dei c a r a b i n i e r i se s i fosse loro chiesto d i i d e n t i f i c a r e i c o l p e v o l i . Tipico atteggiamento s i c i l i a n o d i omerta! I cani lamentano l a perdita del loro padrone ma i paesani non piangono l a perdita del loro dottore e del farmacista. Al funerale andando dietro a i m o r t i . . g l i amici d e l l a farmacia discorrevano d e l l a l e t t e r a , frugavano nel passato del farmacista Manno,...E poi l a l e t t e r a parlava chiaro. Dunque una colpa, senz'altro l i e v e , s e n z 1 a l t r o remota, i l farmacista doveva averla... non s i ammazza un uomo per una cosa da niente. (22) (20) Ibid., p. 17. (21) Ibid., p. 18. (22) Ibid., p. 19. 53 A l l ' u l u l o dei cani fa riscontro una c u r i o s i t a pettegola e maligna che pero non da nessun i n d i z i o sull 1accaduto. Soltanto i cani mostrano una " s o f f e r t a reazione, i n un gemito doloroso che umanizza e che e l'unico profondo dolore pianto s u l l a memoria del farmacista-padrone." (23) In r e a l t a era stato i l dottor Roscio i l bersaglio d e l l 1 a s s a s s i n o , non i l farmacista che era suo compagno d i caccia. Purtroppo l a l e t t e r a anonima e 1 1eliminazione d i Manno era stato solo un pretesto per confondere l a g i u s t i z i a . Manno s'era trovato nel luogo sbagliato a l momento sbag1i ato! Un'altra prova del sarcasmo del narratore s i ha quando i l professore Laurana va a Montalmo per cercare d i scoprire 1 1 i d e n t i t a del fumatore d i s i g a r i Branca. G l i e l a fornisce i l pazzo del paese come lo chiamavano l a , cioe Benito, i l f r a t e l l o del compagno d'universita del professore. Ha 1'appellativo d i pazzo ma e l'unico personaggio che dice l a v e r i t a e che, proprio per questo motivo, s i sente diverso e estraneo a l mondo a l d i f u o r i d e l l a sua camera-biblioteca. (23) Onofrio Lo Dico, Leonardo Sc i a s c i a : Tecniche narrative e i d e o l o g i a r Roma: , 1988, p. 75. 54 Per l u i l a S i c i l i a e l a nave corsara...col suo bel gattopardo che rompe a prua...i suoi Malavoglia..coi suoi l o i c i c o rnuti...lo zolfo e i suoi cadaveri n e l l a s t i v a : affonda, affonda... (24) E ancora: ...ad un certo punto d e l l a mia v i t a , dice Benito, ho fa t t o dei c a l c o l i p r e c i s i : che se io esco d i casa per trovare l a compagnia d i una persona i n t e l l i g e n t e , d i una persona onesta, mi trovo ad affrontare, i n media, i l r i s c h i o d i incontrare dodici l a d r i e sette i m b e c i l l i che stanno l i , pronti a comunicarmi le loro opinioni sull 1umanita, sul governo, s u l l a amministrazione comunale... (25) e r i v o l t o a Laurana: "Le pare che valga l a pena?" Quello del vecchio Benito e un mondo p a r t i c o l a r e dove l a v e r i t a a f f i o r a e non e contaminata da nessun contatto esterno. (24) A ciascuno i l suo f p. 92. (25) A ciascuno i l suo. p. 88. 55 Dal sarcasmo s i passa a l pessimismo. S c i a s c i a e veramente convinto che mancando l a morale una societa e destinata ad affondare come l a "nave corsara" del pazzo? Forse nel suo pessimismo c'e piu delusione e sconforto che scetticismo. Nel romanzo i colpevoli non andranno p u n i t i , anzi godranno d e l l a loro potenza perche s i a n e l l a S i c i l i a antica che i n quella attuale sono sempre mancate l e premesse morali per una p o l i t i c a che e l i m i n i i l d e l i t t o e che s ' i s p i r i a p r i n c i p i superiori a t t i a controllare l a tecnica del potere. Non c'e da meravigliarsi che i s i c i l i a n i non abbiano f i d u c i a ne nel governo locale ne i n quello d i Romal La Roba Non manca neppure i l riferimento a l i a Roba che, s i a per l a madre d i Laurana che per l ' a r c i p r e t e e l a sua famiglia, ha grande importanza. Non come l a r e l i g i o n e d e l l a Roba com1 e intesa n e l l e opere d i Verga cioe i l "ben d i Dio". Qui invece s i g n i f i c a " i l ben del diavolo". In v i s i t a a l cimitero l a vedova Laurana dice: "...chiede c a r i t a anche l a roba." Lei i n f a t t i mette i n p r a t i c a questa 56 sua asserzione mangiando " i l pane duro e le mele s f a t t e . . . " con i l pericolo d i rimanerci secca un giorno o 1'altro. Per l a roba 1 1arciprete passa sopra a l l ' i n c e s t o e benedice l'unione dei due cugini a l solo scopo d i non disperdere i l patrimonio. Con cio Sci a s c i a mette i n r i s a l t o una societa non fondata s u l l a r e l i g i o n e e l a famiglia ma avida d i possesso. ...a d e l i t t o compiuto, e g l i da l a sua benedizione ai n i p o t i omicidi i n forza d i una inconfessabile concezione d e l l a famiglia quale centro chiuso d i potere e d i i n t e r e s s i economici. (26) Fin qui A ciascuno i l suo e stato analizzato come un romanzo po l i z i e s c o a scopo p o l i t i c o e soc i a l e . Ma e al t r e t t a n t o interessante guardarlo dal punto d i v i s t a antropologico come ha fa t t o magistralmente Ambroise. Nel d e l i t t o Roscio-Manno c'e anche una terza vittima: uno dei cani del dottore. I due c a c c i a t o r i vanno a caccia d e l l a selvaggina (esca). I mafiosi vanno a caccia d i uomini (esca). Se l'uomo e cultura e 1 1animale e natura ( i n questo (26) Tnvito a l i a l e t t n r a d i Sc i a s c i a . p. 124. 57 caso e un cane), forma i l binomio natura-cultura. I mafiosi che hanno ucciso i due c a c c i a t o r i l i hanno t r a t t a t i da semplice selvaggina percio l i hanno abbassati a l l i v e l l o animale. Nel d e l i t t o l a cui vittima e Laurana 1 1esca e rappresentata d a l l a vedova Roscio. Percio questa s i degrada inquantoche s i pone a l l i v e l l o d e l l a sevaggina cioe non appartiene piu a l mondo culturale ma a quello animale. Sono dunque s c u s a b i l i i mafiosi omicidi? Certamente no. Conclusione II d e l i t t o mafioso non e " i l f r u t t o attardato d i una societa semifeudale" (27) ma e l a conseguenza d i quella corsa a l i o sfruttamento, a l i a speculazione e a l p r o f i t t o che car a t t e r i z z a t u t t a l a societa borghese. Situazione questa che causa omicidi bianchi n e l l e industrie, l e sciagure minerarie, i l deperimento f i s i c o dei l a v o r a t o r i . (27) L. Sc i a s c i a : La v e r i t a . L'asora v e r i t a . p. 300. 58 Che differenza c'e f r a l a lupara e i l supersfruttamento? Fra 1 1omerta d i una c i t t a d i n a t e r r o r i z z a t a dai mafiosi e 1'oppressione i n una fabbrica sotto l a minaccia dei licenziamenti e d e l l a fame? (28) dice Carlo S a l i n a r i . Con queste r i f l e s s i o n i bisogna leggere questo romanzo d i Sci a s c i a i l quale " s i presenta come un " g i a l l o " , che puo apparire un divertimento...ricco d'umorismo...ma che i n r e a l t a e un fermo atto d'accusa a l l e c l a s s i dominanti e un richiamo per i deboli, per i d e l u s i , per g l i sconfortati a l i a passione c i v i l e e 11impegno morale." (29) Le idee d i S a l i n a r i possono non essere condivise i n pieno ma spingono a r i f l e t t e r e e meditare seriamente. (28) Ibid., p. 301. (29) Ibid., p. 301. 59 CAPITOLO III Todo mode- (1974) Nel 1974 esce i l quarto romanzo g i a l l o Todo modo che s i pud dire una s a t i r a del governo democristiano e del suo legame logico con l a tradizione c a t t o l i c a e ge s u i t i c a . E una l o t t a d i potere che s i svolge attraverso trame che s 1incastrano l'una n e l l ' a l t r a e che non e mai p o s s i b i l e r i c o s t r u i r e fino i n fondo...i v a l o r i del cattolicesimo s i contaminano con l e forme d e l l a modernita... vengono piega t i a strumenti d i potere... (1) Esso e soprattutto un'indagine s u l l e oscure trame del governo. Claude Ambroise definisce Todo modo un l i b r o (1) G. Ferroni, P r o f i l o s t o r i c o d e l l a l e t t e r a t u r a i t a l i a n a . Torino: Einaudi, 1992, p. 1087. 60 a n t i c a t t o l i c o . (2) E un attacco non solo a l p a r t i t o che governa ma anche a l i a Chiesa ad esso a l l e a t a . Laddove n e l l a seconda opera d i Sciascia, A ciascuno i l suo f era trapelata una denuncia d e l l ' arciprete Rosello, ma l e colpe del nipote avevano l a s c i a t o lo zio quasi nell'ombra, qui invece c i s i trova d i fronte ad un prelato astuto e manipolatore, colto e malandrino a l quale 1'autore non avrebbe potuto far fare una fi n e piu adeguata! La mafia Con questo g i a l l o S c i a s c i a vuole mostrare che l a mafia "e diventata un fatto i t a l i a n o , ormai sfuggente, i n d e f i n i b i l e : che va i d e n t i f icandosi sempre piu con l a gestione del potere". Quanto accade i n I t a l i a , e r i f l e s s o i n S i c i l i a e . . . " t u t t i i f a t t i negativi d i p o l i t i c a nazionale sono s t a t i sperimentati qui i n corpore v i l i f ma quasi per a s s i c u r a r s i che fossero veramente negativi e quindi ... d i v a l i d a (2) C. Ambroise, Invito a l i a l e t t u r a d i Sciascia, Milano: Mursia, 1974, p. 156. 61 realizzazione sul piano nazionale ... No, non sono un pessimista (afferma l'autore). Soltanto continuo ad arrabbiarmi su una S i c i l i a che non riesce ancora a diventare Europa, e soprattutto su un' I t a l i a che r i s c h i a d i diventare S i c i l i a . . . " (3) La trama In un albergo costruito attorno all'eremo d i Zafer giunge, per caso, un p i t t o r e famoso. Sta per i n i z i a r e un c i c l o d i e s e r c i z i s p i r i t u a l i a cui partecipano a l t i personaggi del governo e d e l l 1 i n d u s t r i a . Don Gaetano l i d i r i g e . II p i t t o r e l a i c o , i n c u r i o s i t o rimane, e i l prete lo accetta con l a stessa misteriosa s u p e r i o r i t y che g l i fa t o l l e r a r e l a presenza d i cinque donne amanti d i alcuni uomini del gruppo. Questi uomini d i potere erano venuti a fare g l i e s e r c i z i per "riannodare fruttuose r e l a z i o n i , ordire trame d i potere e d i ricchezza, rovesciare alleanze e r e s t i t u i r e (3) L. Cattanei, L. S c i a s c i a f Firenze: Le Monnier, 1979, p. 5. 62 tradimenti." (4) Ed a l i o stesso tempo, s i "sarebbero d e d i c a t i . . . a l i a ginnastica d e l l o s p i r i t o senza mortificare l a came," (5) s i a riguardo a l cibo s q u i s i t o che a l l e donne. Spinazzola quarda questi i l l u s t r i personaggi con disprezzo e anche con commiserazione. Questi campioni d i cinismo a f f a r i s t i c o sono tenuti insieme da un'angoscia reale che l i spinge a cercare riparo n e l l 1 i s t i t u z i o n e e c c l e s i a s t i c a come su una zattera d e l l a Medusa. (6) E s i pud concludere con Giovanna Jackson: "Pochi sono q u e l l i che sopravvivono ed es s i sono i piu a s t u t i e i piu aggressivi." (7) In r e f e t t o r i o e n e l l a cappella, don Gaetano ammette che g l i e s e r c i z i s p i r i t u a l i sono per i suoi o s p i t i occasioni d i (4) L. Sciascia, Todo modof Torino: Einaudi, 1974, p. 27. (5) TpdP modo, p. 18. (6) Luciano L u i s i , L. Sc i a s c i a . Taranto: 1990 ( a r t i c o l o d i V. Spinazzola da l'Unita, 25 gennaio, 1975) p. 255. (7) Giovanna Jackson, Leonardo Sciascia, 1956-1976, Ravenna: Longo, 1981, p. 90. 63 giochi d i potere. Ogni sera s i svolge l a scena del rosario nel c o r t i l e dell'albergo, ch'egli d i r i g e mentre i l p i t t o r e ed i l cuoco, i n disparte, s i godono l a scena. I n f a t t i i l cuoco dice: "Ci vengo a ogni estate per non perdermi questo spettacolo anche se mi pagano male." (8) La sera dopo 1 1 a r r i v o d e g l i o s p i t i , mentre t u t t i stanno recitando i l rosario, s i ode un colpo d i r i v o l t e l l a che suscita un enorme panico. La vittima e l'onorevole Michelozzi. E seguito d a l l 1 avvocato Voltrano che con cio diviene l a seconda vittima. Quest'ultimo viene ucciso s u l l a terrazza i n cima all'eremo e gettato nel c o r t i l e forse da uno d e g l i o s p i t i a l quale, sotto c o n s i g l i o del prete, aveva negato dei f a v o r i . La p o l i z i a investiga. II procuratore Scalambri, un ex compagno d i l i c e o del p i t t o r e , e i l commissario cercano invano d i r i c o s t r u i r e l a scena del rosario nel tentativo d i scoprire l'assassino o g l i assassini e i l movente dei due d e l i t t i . La sera seguente s i propaga nell'albergo l a n o t i z i a che don Gaetano e stato ucciso diventando cosi l a terza (8) Todo modo. p. 45. 64 vittima. II procuratore Scalambri, esasperato per i r i s u l t a t i negativi d e l l e sue indagini, disperde g l i o s p i t i e chiude 11eremo e l ' i n c h i e s t a . Un' i p o t e s i che potrebbe avere i l suo valore e quella suggerita da Massimo Onofri (9) che ricorda a l l e t t o r e i l romanzo p o l i z i e s c o d i Agatha C r i s t i e dal t i t o l o The murder of Roger Ackroyd dove i l narratore diviene anche esecutore. Ci sono d i v e r s i i n d i z i che provano questa i p o t e s i : nel primo i l p i t t o r e va i n cerca d e l l a p i s t o l a che ha f a t t o l e due prime vittime e che poi e stata trovata accanto a l cadavere d e l l a terza, Don Gaetano. Nel secondo i n d i z i o s i g n i f i c a t i v a e 1 1espressione d e l l ' i o narratore quando dice: "Non mi fece forte impressione r i v e r d e r l o morto." (10) Forse colpendolo l'ha v i s t o cadere morto e poi l'ha r i v i s t o per l a seconda vo l t a insieme a t u t t i g l i a l t r i o s p i t i ? E l'ultimo i n d i z i o s i ha quando Scalambri, i l procuratore, chiede a l p i t t o r e : (9) Massimo Onofri, S t o r i a d i Sciascia, Roma-Bari: La Terza, 1994, p. 170. (10) Todo modo. p. 117. 65 E tu...dov'e che te ne s e i andato? A uccidere don Gaetano, d i s s i . (11) E forse per esasperazione o per r i b e l l i o n e che l ' a r t i s t a e stato spinto a uccidere i l suo antagonista? Oppure e una r i v i n c i t a su un essere che s i e fatt o gioco d i t u t t i e del potere? Don Gaetano "tu t e l a l a Repubblica," dice i l giovane prete a l p r i n c i p i o del l i b r o . E, piu i n l a , e l u i stesso che chiede: "Ma s i g n o r i , ( r i v o l t o a l ministro e a l presidente seduti a mensa con l u i ) non mi darete i l dolore d i dirmi che lo Stato c'e ancora. . . Stavo cosi t r a n q u i l l o che non c i fosse piu..." (12). Oppure e stato i l bisogno d e l l ' i o narrante d i sfuggire a l fascino del prelato che lo aveva quasi ipnotizzato? "II fatto e che stando con l u i s i s t a b i l i v a come una sfera d i ipnosi". (13) Oppure, come ultima supposizione, i l p i t t o r e s i erige a g i u s t i z i e r e perche vede i n don Gaetano l a personificazione del demonio. (11) Todo modo. p. 122. (12) Todo modo, p. 115. (13) Todo modo. p. 18. 66 La st r u t t u r a del romanzo "Todo modo" e s c r i t t o i n prima persona, percio 1 1autore v i s i maschera dietro l a figu r a del p i t t o r e i n t e l l e t t u a l e l a i c o . Questi s i trova d i fronte a un prete colto, arguto e manipolatore che es e r c i t a sui suoi o s p i t i un potere a l quale nessuno d i loro puo s o t t r a r s i perche t u t t i quanti sono i n f a l l o . Con l a sua elaborata conversazione f a capire loro che e bene arrendersi a l potere d e l l a Chiesa, che non e solo s p i r i t u a l e ma anche temporale. Lo Stato e l a Democrazia C r i s t i a n a sono divenuti cosi f r a g i l i che " s i sottomettono volontariamente a l l ' a n t i c o potere per i l quale i l d e l i t t o contro lo Stato non e veramente un d e l i t t o . " (14) Essendo lo Stato n e l l ' i m p o s s i b i l i t y d i porre termine a una situazione i n s o s t e n i b i l e , per evitare a l t r i a s s a s s i n i i i l procuratore Scalambri non ha a l t r a s c e l t a che mettere tutto a tacere. (14) Todo modo. p. 107. 67 Ci sono " i d e l i t t i , c'e l a fin e dei r i t i r i e c i dovrebbe essere i n f i n e una morale. Ma qui Sci a s c i a s i ferma e cede l a parola a Gide, i l Gide d e l l e Caves du Vatican (15). Gide e i l dilemma r e l i g i o s o rimasto sospeso i n a r i a . . . Sembra che i l narratore voglia proteggere i l colpevole, i n quanto che rivelando i l suo nome o smascherandolo per soddisfare i l let t o r e , non giovera a nessuno ne i n senso c i v i l e ne p o l i t i c o . Le tre vittime L'onorevole Michelozzi, l a prima vittima, era stato senatore e s i era dimesso per diventare presidente d i un grosso ente di Stato. Secondo i l procuratore, Michelozzi "non possedeva una casa," mentre t u t t i g l i a l t r i o s p i t i avevano " v i l l e , aziende agricole modello... portavano denaro i n Svizzera...a m i l i a r d i . " (16) Michelozzi viveva con l e suore o i f r a t i . (15) L. L u i s i , ( a r t i c u l o d i Carlo Bo, La violenza truccata, da "Corriere d e l l a Sera", 26 gennaio 1975) p. 259. (16) Todo modo. p. 85. 68 Era s i un ladro, continua Scalambri, uno che, i n a l t r i tempi, avrei r u b r i c a t e . . p e r malversazione e peculato, per corruzione, per t u t t i quei r e a t i che i l e g i s l a t o r i hanno constatato o previsto i n rapporto all 1amministrazione del danaro pubblico. (17) Cio che aveva d i diverso dagli a l t r i era che nessuno d i q u e l l i b e n e f i c a t i da l u i potevano r i c a t t a r l o con l a minaccia d i r i v e l a r e l e sue malversazioni e corruzioni e per i l semplice f a t t o che t u t t i , dico t u t t i , dai r e a t i commessi da Michelozzi hanno cavato vantaggi. II corrotto non puo provocare rovina sul corruttore senza restare sepolto n e l l e stesse macerie... (18) La seconda vittima e 1 1avvocato Voltrano i l quale, interrogato sul primo d e l i t t o , era sembrato sincero n e l l a sua deposizione. "...Ma quello era un uomo che l a v e r i t a non la diceva nemmeno su quello che aveva mangiato." dice i l procuratore. E ancora: . . . lo conoscevo benissimo. Mi ha dato piu f a s t i d i l u i che t u t t i costoro messi insieme. Lo dichia r a astuto e perfido... una volpe e s i e finalmente imbattuto i n un lupo. (19) (17) Todo modo. p. 85. (18) Todo modo. p. 85. (19) Todo modo. p. 84. 69 E don Gaetano, l a terza vittima? "Alto n e l l a lunga veste nera, immobile; g l i occhi d i uno sguardo lontano...una corona a grossi grani n e r i , avvolta n e l l a mano s i n i s t r a ; l a destra grande e quasi diafana sul petto..." (20) Appare a l p i t t o r e come un essere freddo, scostante da un lato, pieno d i paterna benevolenza, premuroso d a l 1 1 a l t r o . Questa eminenza g r i g i a e v i s t a da S c i a s c i a da due punti d i v i s t a d i f f e r e n t i . II primo come prete che rappresenta i l potere d e l l a Chiesa d a l l a quale 1 1autore s i e allontanato (Non bisogna dimenticare che Sci a s c i a aveva rotto i suoi legami con l a r e l i g i o n e c a t t o l i c a da lungo tempo.) L' io narrante afferma che "da anni, da molti anni, non sentivo parlare d i e s e r c i z i s p i r i t u a l i , e credevo non se ne facessero piu." (21) (20) Todo modo. p. 12. (21) Todo modo. p. 9. 70 Nella cappella dell'eremo d i Zafer, l a messa celebrata i n i t a l i a n o delude completamente i l p i t t o r e che s i abbandona a r i f l e s s i o n i s u l l a Chiesa e i l suo d e s t i n e Cioe sul suo passato splendore, i l suo squallido presente, e l a sua i n e v i t a b i l e f i n e . II secondo aspetto d i don Gaetano e quello d i un uomo d ' a f f a r i , astuto e malandrino. Si serve d i gente influente per r e a l i z z a r e i suoi p r o g e t t i . Nella veste d i rappresentante d e l l a Chiesa, usa ed abusa d i questa sua posizione p r i v i l e g i a t a . Don Gaetano e "...un prete colto e capace d i ogni t r a f f i c o o calcolo i n di f e s a d i una Chiesa per l a quale r e a l i z z a d i a b o l i c i progetti d i potenza..." (22) mentre i c a t t o l i c i prominenti guardano con nostalgia a l passato quando dominava 1 1Inquisizione! "E f a c i l e capire quanto facciano comodo a Don Gaetano I democristiani c o r r o t t i " (23) dice Ambroise. Piu es s i sono i n colpa piu i l prete s i sente superiore a loro. (22) Todo modo. p. 48. (23) Invito a l i a l e t t u r a d i Sci a s c i a . p. 159. 71 Spregiudicatamente l i b i s t r a t t a , deride, governa." Anche i l procuratore dice che " l a coscienza d i t u t t i costoro, don Gaetano l a maneggia e modella come cera." (24) Chi ha ucciso don Gaetano, e perche? Da quanto s i e accennato sopra t u t t i avrebbero avuto un motivo per fare f u o r i 1 1astuto prete ed i l perche e ovvio: voleva sempre d i piu! "Abbiamo dato a Dio quel che e d i Dio?" Cosi don Gaetano chiude l a prima predica a i suoi o s p i t i e uno d i loro sussurra a l v i c i n o : "Certamente vuole fare un a l t r o albergo." (25) La coppia prete-pittore. C'e un rapporto i n t e l l e t t u a l e t r a i due uomini i n forma d i duello e controversia. Ambroise afferma giustamente che don Gaetano e s e r c i t a sul p i t t o r e un "fascino diabolico." I n f a t t i dal primo incontro l ' a r t i s t a subisce gia l a forza magnetica che emana da quella "figura immobile...fredda...discostante" che sembra non vederlo ma g l i viene incontro e l ' a l t r a (24) Todo Modo. p. 85. (25) Todo modo. p. 27. 72 figura "piena d i paterna benevolenza, premurosa" (26) che g l i da i l benvenuto. La presenza del prete da a l l ' a r t i s t a un 1impressione strana: quando se n'era andato, l a sua immagine persisteva, ecco perche, stando i n sua compagnia, s i s t a b i l i v a come una sfera d'ipnosi. (27) L'atteggiamento d i don Gaetano^ e sostanzialmente d i tipo sadico commenta Ambroise (28). I n f a t t i l u i deride e governa i suoi o s p i t i sebbene, n e l l a v i t a pubblica e s s i coprano a l t e cariche. Di cio s i rende conto anche 1 1 io narrante quando entra per l a prima v o l t a n e l l a cappella e i l prelato g l i addita un quadro rappresentante un santo scuro e barbuto...e un diavolo dall 1espressione untuosa e beffarda... che aveva g l i o c c h i a l i a pincenez, d a l l a montatura nera... (29) (26) Todo modo. p. 13. (27) Todo modo. p. 18. (28) Invito a l i a l e t t u r a d i Sciasc i a . p. 161. (29) Todo modo. p. 29. 73 La leggenda dice che a l santo, avendo l a v i s t a debole, fosse stato o f f e r t o un paio d i o c c h i a l i dal diavolo ma che l u i l i avrebbe r i f i u t a t i sospettando un inganno. "Ogni correzione d e l l a natura non puo essere che opera e o f f e r t a del diavolo," commenta i l p i t t o r e . (30) "Saper vedere l a v e r i t a d e l l a natura umana e valso a l i a Chiesa per sfr u t t a r e a suo p r o f i t t o le debolezze, provocandone l e paure." (31) Ma l'uomo moderno non ha piu timore d i guardare i n f a c c i a a l i a r e a l t a : e per questo che don Gaetano doveva morire. Nell'intento d i leggere l a firma d i c o l u i che aveva cosi mal copiato i l dipinto d i Manetti, don Gaetano inforca g l i o c c h i a l i . "Ebbi un momento d i vertiginoso stupore: i suoi o c c h i a l i erano una copia esatta d i q u e l l i del diavolo." dice l ' a r t i s t a . II prete fa f i n t a d i non accorgersi d e l l ' e f f e t t o prodotto sul p i t t o r e . "Poi se l i to l s e con l a voluta indifferenza d i chi ormai ha fatto i l colpo del gatto che s i (30) Todo modo. p. 30. (31) L. Sc i a s c i a . (Spinazzola), p. 256. 74 e mangiato i l canarino." (32) Splendida metafora d e l l 1 a u t o r e ! Don Gaetano sa che i l p i t t o r e e l a i c o . S c i a s c i a sa che essere l a i c o e una conquista quando dice che l a i c i non s i nasce ma s i diventa. Nella disputa dei due antagonisti sul laicismo i l prete dich i a r a che i l laicismo...non s i a che i l rovescio d i un eccesso d i ri s p e t t o per l a Chiesa, per noi p r e t i . Applicate a l i a Chiesa, a noi, una specie d i aspirazione p e r f e z i o n i s t i c a . . standone comodamente di f u o r i . (33) Che prete e l e i ? L ' a r t i s t a f a una dis t i n z i o n e netta f r a i p r e t i buoni e q u e l l i c a t t i v i . Cio che l i accomuna e 1'ignoranza. Don Gaetano, con i l quale l a conversazione e avviata, lo previene dicendo: "Lei non sa se mettermi t r a i buoni o t r a i cattivi...sono un prete cat t i v o " ma a differenza degli a l t r i l u i e un erudito. Per c a t t i v i i l p i t t o r e intende avari (32) Todo modo, p. 31. (33) Todo modo. p. 39. 75 e a v i d i . La risposta del suo antagonista e e s p l i c i t a : "La sopravvivenza...il t r i o n f o d e l l a Chiesa nei s e c o l i , s i deve piu a i p r e t i c a t t i v i che a i buoni." (34) I c a t t i v i , scrive P a s o l i n i , "non sono che i buoni a cui non e s a l t a t a i n mente 11 idea che i l potere e ingiusto, e diabolico: ma ne hanno accettato innocentemente le regole, affermandosi attraverso l e occasioni che esso fornisce all'uomo f o r t e . " (35) Cosi s i sono comportati e s i comportano n e l l a v i t a g l i o s p i t i dell'eremo d i Zafer e 1 1autore l i fa ammazzare, questi mafiosi, a causa d e l l a c r i m i n a l i t a con l a quale e s s i detengono e gestiscono i l potere (don Gaetano incluso). (36) Non importa chi s i a stato i l g i u s t i z i e r e ; non c'era a l t r a v i a d'uscita che e l i m i n a r l i . Se Scalambri non avesse deciso (34) Todo modo. p. 47. (35) P.Pasolini, Descrizioni d i D e s c r i z i o n i , Torino: Einaudi, 1979, p. 459. (36) Ibid., p. 459. 76 di fare chiudere l'eremo, c i sarebbero state, senza alcun dubbio, a l t r e vittime. II professore e l ' a r t i s t a II professore Laurana d i A ciascuno i l suo e i l p i t t o r e d i Todo modo sono due personaggi chiave c r e a t i d a l l a fantasia di S c i a s c i a . Parte da loro q u e l l 1 i n i z i a t i v a che manca n e l l e forze dell'ordine pubblico. II commissario f a dei t e n t a t i v i , d e l l e supposizioni, ma Scalambri non accetta i suoi suggerimenti, anzi lo ostacola. Laurana ha un i n d i z i o e se ne serve per scoprire cose che non s i era mai sognato che esistessero, e appunto per questo motivo viene eliminato. La f i g u r a d e l l ' a r t i s t a e meno sviluppata come detective. Si sa che e uno s c r i t t o r e d i g i a l l i quando suggerisce a l procuratore Scalambri come andare i n cerca d e l l a v e r i t a ; ma non s i espone, non agisce. E i l piu misterioso e elusivo dei quattro detectives dei g i a l l i s c i a s c i a n i , suggerisce Giovanna Jackson. 77 Anche l u i , come i l professore, e un s o l i t a r i o , privo d i compagnia. "The painter-detective i s perhaps the most t y p i c a l twentieth century anti-hero." Non s i vede mai i n azione "since he never acts but merely reacts to circumstantial s t i m u l i . " (37) L'unico stimolo d i cui lo s c r i t t o r e f a partecipe i l let t o r e a suo riguardo e l a r i c e r c a d e l l a p i s t o l a . Ma l a cerca o l a va a prendere dove l'ha nascosta? Chissa! Tutto dipende d a l l a l i b e r a interpretazione e immaginazione del le t t o r e . I punti i n comune d i questi due personaggi sono percio: l a solitudine, l a loro posizione marginale n e l l a societa, 1'assenza d i donne n e l l a loro v i t a sebbene, come informa l'autore, nessuno dei due s i a misogino. II p i t t o r e d i r e l a z i o n i ne aveva avute ma senza consequenza. II professore invece era timido e s i perdeva v i c i n o a una donna. Entrambi sono n e l l 1 i m p o s s i b i l i t a d i stringere rapporti amichevoli. Prediligono l e l e t t e r e e 1'arte e hanno fede nei (37) Leonardo Scias c i a . 1956-1976. p. 17. 78 v a l o r i morali. Vanno ostinatamente i n cerca d i una v e r i t a che non l i toccherebbe i n nessun modo. A nessuno dei due e stato a f f i d a t o i l compito d i personaggio s p a l l a percio non sono u t i l i nel1 1 investigazione u f f i c i a l e . Sono figure emblematiche che l a societa non t o l l e r a e d i cui prima o poi cerca d i sbarazzarsi. I crimini i n Todo modo I tre d e l i t t i sono l e s t r a g i d i Stato, ma r i d o t t e a immobile simbolo. I meccanismi che spingono ad esse sono a p r i o r i p r e c l u s i a ogni p o s s i b i l e indagine, restano s e p o l t i n e l l 1 i m p e n e t r a b i l i t a d e l l a cosca, e soprattutto n e l l a sua r i t u a l i t a . (38) Percio s i puo essere d'accordo con alcuni c r i t i c i che questo g i a l l o non e un g i a l l o ma l a dimostrazione esatta d e l l 1 i n e f f i c a c i a del potere che e caduto i n mano d i esseri a b b i e t t i . (38) Descrizioni d i De s c r i z i o n i , p. 460. 79 Scia s c i a e Todo modo Fin dai primi saggi S c i a s c i a mostra i l suo pessimismo c i r c a i problemi s i c i l i a n i , i l decomporsi d e l l o Stato, d e l l a societa e d e l l a Chiesa, a l i a stessa maniera i n cui g l i uomini p i r a n d e l l i a n i sentivano " i l d i s s o l v e r s i del loro p r i n c i p i o d'identita, l a tr a g i c a disintegrazione d e l l ' i o , i l pazzo gioco d i specchi." (39) In Todo modo (termine preso dal motto dei Gesuiti i n cerca d e l l a volonta d i Dio e dei suoi modi) non c'e solo un susseguirsi d i d e l i t t i ma, t r a l e battute acute e i n t e l l e t t u a l i , v i aleggia un'atmosfera d'incubo "etico-c i v i l e , sottesa d a l l a tensione non del g i a l l o , bensi dei fondamentali i n t e r r o g a t i v i dell'uomo." (40) La r e c i t a del rosario nel c o r t i l e dell'albergo t r a l a zona in ombra e quella i n luce f a pensare, come 1'autore (39) L. Sci a s c i a . p. 106. (40) L. Sc i a s c i a . p. 107. I", 80 suggerisce, a l i a "dantesca bolgia dei l a d r i . " (41) Non sono i n f a t t i dei l a d r i che derubano lo Stato questi m i n i s t r i , deputati, presidenti, d i r e t t o r i d i banche e importanti enti s t a t a l i , i n d u s t r i a l i e d i r e t t o r i d i gio r n a l i ? "Sono c l i e n t i p a r t i c o l a r i " d i c h i a r a i l prete zazzeruto che vengono per fare g l i e s e r c i z i s p i r i t u a l i . E con loro vengono anche un principe d e l l a Chiesa d i "estrema pigno l e r i a , " dice lo s c r i t t o r e , un vescovo e due p r e t i . Tra i cinque, don Gaetano incluso, "...chi l a faceva da cardinale" era i l padrone dell'eremo. Don Gaetano manteneva un distacco e una freddezza, una severita che...poteva anch'essere i l papa. "Quel pretaccio come lo chiama Ambroise, corrotto e corruttore come i suoi o s p i t i , ha una superiority i n f i n i t a su d i loro, i n quanto possiede una conoscenza assoluta d i cio che e bene e che e male." (42) Con queste sue q u a l i t a f a sentire i suoi o s p i t i t u t t i colpevoli e gode d e l l e loro debolezze. (41) Todo modo. p. 21. (42) L. Sciascia, (Spinazzola), p. 255. 81 Cio che emerge i n questo romanzo sono g l i scontri v e r b a l i che s i scambiano i l prete e l ' a r t i s t a . Non e un g i a l l o Todo modo, dice ancora Cattanei. Al posto d e l l a suspense c'e invece un dialogo quasi i n i n t e r r o t t o d i un " s o t t i l e antagonista gesuitico, suadente o pietoso..." (43) con i l p i t t o r e che s i dimostra a l l ' a l t e z z a d e l l ' a l t r o . Sono scaramucce che non portano a conclusioni pratiche s u g l i omicidi ma che fanno scoprire a l l 1 i o parlante " l e i n f i n i t e forme i n cui s'incarna i l male-potere." (44) Non c'e l a soddisfazione d i avere r i s o l t o un problema d i f f i c i l e ma un'avventura mentale e a r t i s t i c a che car a t t e r i z z a i l quarto romanzo d i Sc i a s c i a . Ben a l t r a conclusione da Spinazzola a questa opera d i Sci a s c i a . (43) L. S c i a s c i a . p. 106. (44) L. Sc i a s c i a . p. 106. 82 In S c i a s c i a una moralita nuova nasce d a l l a repulsione per i l marasma i n cui affondano l e i s t i t u z i o n i etiche d e l l 1 i n d i v i d u o borghese...Incontaminabile e i l bisogno d i rifondare totalmente un codice d i norme cui attenersi n e l l 1 e s i s t e n z a privata come n e l l a v i t a pubblica. (45) Nel 1976 da Todo modo E l i o P e t r i ricava un f i l m i n cui l a s a t i r a contro i l p a r t i t o che governa e t u t t i i suoi aderent e messa ancora piu i n evidenza. (45) L. Sci a s c i a , (Spinazzola), p. 256. 83 CAPITOLO IV II contesto (1971) Verso l a f i n e del 1971 viene pubblicato II Contesto. Nella nota f i n a l e s c r i t t a dall'autore s i legge: II Contesto e un apologo sul potere del mondo, sul potere che sempre piu degrada n e l l a impenetrabile forma d i una concatenazione che approssimatamente possiamo dire mafiosa. (1) Sciascia l a s c i a dormire per due anni i l manoscritto nel cassetto d e l l a sua scr i v a n i a senza sapersi spiegare i l perche. Forse " ho cominciato a s c r i v e r l o con diver-timento, e l'ho f i n i t o che non mi d i v e r t i v o piu." (2) (1) L.Sciascia, II Contesto. Torino: Einaudi, 1971, p. 95. (2) Ibid., p. 96. 84 "E un g i a l l o , un saggio s o c i o - p o l i t i c o , un racconto st o r i c o , e decisamente, un'opera l e t t e r a r i a non priva d i pagine l i r i c h e . " (3) Sc i a s c i a invece sostiene che 11 Contesto non e un g i a l l o ma una parodia cioe un travestimento comico d e l l ' opera. II senso r e a l i s t i c o dell'autore ha preso i l sopravvento mettendo i n luce non l'assassino colpevole d e l l a strage dei g i u d i c i c o r r o t t i ma le malefatte del male-potere. La trama II racconto s i svolge i n un paese immaginario, situato i n un posto qualunque e i l contenuto potrebbe essere una favola sul potere nel mondo. Ma cio che Sc i a s c i a descrive e una situzione s t o r i c a che fa parte d e g l i anni '70 i n I t a l i a , cioe l a c r i s i radicale d e l l a democrazia e i l potere i n v i s i b i l e che l a domina. Qui non c i s i trova d i fronte a d e l i t t i d i mafiosi l o c a l i ma d e l l ' i n t e r o sistema sociale e p o l i t i c o che e i n a f f e r r a b i l e e (3) G. Ghetti Abruzzi, Leonardo Sc i a s c i a e l a S i c i l i a . Roma: Bulzoni, 1974, p. 151. 85 imbattibile. Dopo i l primo d e l i t t o d i cui i l procuratore Varga e vittima, l ' i s p e t t o r e Rogas viene consigliato d i non l a s c i a r s i influenzare d a l l a reputazione che l a vittima aveva avuta i n v i t a . Era i l farmacista Cres innocente e condannato senza prove s u f f i c i e n t i ? Ed ora, f u o r i del carcere, cerca d i vendicarsi a suo modo d e l l 1 i n g i u s t i z i a f a t t a g l i dai s o s t e n i t o r i d e l l a legge? Con 1 1accumularsi d e l l e vittime l ' i s p e t t o r e riceve dal ministro 1'ordine d i abbandonare l e sue fruttuose investigazioni e passare a g l i o r d i n i d e l l a sezione p o l i t i c a . Ma Rogas "...aveva p r i n c i p i i n un paese dove nessuno ne aveva." (4) percio decide d i continuare d i sua propria i n i z i a t i v a . E g l i r i f i u t a d i accettare l a t e o r i a d'insurrectional cadre perche e convinto che i l carnefice non ha fede n e l l a g i u s t i z i a umana e non vuole nascondere i l passato f a l s i f i c a n d o i l presente. (4) II Contesto. p. 7. 86 Le indagini d i Rogas danno f a s t i d i o s i a a l p a r t i t o che governa che a l l 1 o p p o s i z i o n e . L'ispettore sembra essersi fatto un quadro preciso d e l l e macchinazioni d i Stato. L 1opposizione e r i l u t t a n t e a prendere i l potere nonostante che i l governo non s i a i n grado d i affrontare l a g u e r r i g l i a dei gruppuscoli. Percio Rogas e pericoloso e deve essere t o l t o d i mezzo. II climax d e l l a vicenda e raggiunto n e l l a lunga conversazione che l ' i s p e t t o r e ha con i l Presidente. Dopo d i cio Rogas viene trovato morto insieme a l capo comunista Amar n e l l a G a l l e r i a Nazionale dove segretamente s i erano i n c o n t r a t i . Per convenienza d e l l o Stato e anche per i l successore d i Amar, nei r e g i s t r i r i s u l t a che Rogas ha ucciso Amar. Ma non e l a f i n e . L'ultima vittima e i l Presidente stesso, cosa che Rogas aveva gia previsto e cercato d i evitare. I comunisti avevano deciso che i l tempo non era ancora propizio per una rivoluzione e che lo status quo era vantaggioso s i a a l governo che all'opposizione. 87 La polemica derivata da questa opera crea, dal 1971 i n poi, reazioni a catena. II breve romanzo p o l i z i e s c o segna l ' i n i z i o d e l l a delusione sciasciana. La mafia aveva gia invaso 1'area del potere e lo s c r i t t o r e , tramite questa sua opera, vuole testimoniare quanto c i s i a d i corrotto nel potere e l a f a l s a interpretazione d e l l a g i u s t i z i a e 1'inef-f i c i e n z a del p a r t i t o che governa. II personaggio Rogas "ha l a percezione d i essere f i n i t o a l centro d i un osceno l a b i r i n t o , come o f f e r t o i n pasto a l minotauro del Potere" (5) quando s i mette i n opera per scoprire chi e 1 1autore d e l l a ecatombe d i a i u d i c i (6) di cui a poco a poco e testimone. Durante l'indagine, l ' i s p e t t o r e viene a scoprire quanto colpevoli erano questi magistrati ed ora s i domanda quanto legittimo s i a i l potere d i cui es s i erano i n v e s t i t i . (5) M. Onofri, Storia d i Sc i a s c i a . Roma: Bari, 1994, p. 155. (6) A. Motta, L. Sci a s c i a : La Veri t a , L'aspra v e r i t a . Manduria: Lacaita, 1985, p. 375. 88 Commenta Onofri: "Bisogna servire uno Stato ormai governato da un'associazione a delinquere o d i c h i a r a r g l i guerra?" (7) A l i a f i n e anche l u i diviene una vittima solo perche sa troppo. Perche l ' i s p e t t o r e Rogas e stato eliminato senza dare a l u i l a p o s s i b i l i t y d i g i u s t i f i c a r s i ? La risposta viene dal vice-segretario del Par t i t o Internazionale. Non potevamo correre i l r i s c h i o che scoppiasse una rivoluzione... non i n questo momento. (8) E noto che l a s i n i s t r a mirava a l potere e stava avvalendosi di questa situazione ambigua per consolidarsi sempre piu e poi, a l momento opportuno, sferrare l'attacco. Sacrificando Rogas Sci a s c i a mostra ancora una v o l t a i l suo pessimismo e l a sua delusione per uno stato d i cose che degenera sempre piu senza v i a d i salvezza. Secondo Montesquieu, c i ricorda Sciascia, v'e un rimedio all'abuso del potere e d e l l e l e g g i . "Affinche non s i possa abusare del (7) St o r i a d i Sci a s c i a . p. 155. (8) II Contesto. p. 94. 89 s i dispongano l e cose i n modo che i l potere a r r e s t i i l potere." (9) Esiste percio uno Stato? No, perche lo Stato attraverso le leggi dovrebbe garantire l a pace e l a coesistenza dei c i t t a d i n i . Vediamo che cosa ne pensa i l presidente Riches durante i l suo colloquio con Rogas. II presidente d e l l a Corte Suprema, a n t i - i l l u m i n i s t a , d i c h i a r a che l a professione d i Rogas non ha piu senso perche fondata s u l l a ragione e l a responsabilita individuale. Non c i sono piu i n d i v i d u i , non c i sono piu responsabilita i n d i v i d u a l i , i l suo mestiere, mio caro amico, e diventato r i d i c o l o . (10) Come e stato accennato nel terzo capitolo, i n Todo modo don Gaetano, comicamente spaventato e beffardo, chiede a l (9) Leonardo Sc i a s c i a e l a S i c i l i a . p. 154. (10) II Contesto. p. 72. 90 presidente; "...spero che non mi darete i l dolore d i dirmi che lo Stato c'e ancora..." (11) Anche i l professor Laurana, i n A ciascuno i l suo d i f f i d a d e l l o Stato e d e l l e sue funzioni ma questa e una c a r a t t e r i s t i c a t i p i c a del meridionale i n generale e forse anche i n a l t r e p a r t i d ' I t a l i a . Lo stato borghese non e r i u s c i t o a funzionare decentemente perche contaminato d a l l a c r i m i n a l i t a . Don Mariano Arena s i fa beffa s i a d e l l a g i u s t i z i a che d e l l o Stato. Lui stesso e lo stato! La criminalizzazione d e l l o Stato...ecco uno dei problemi c e n t r a l i n e l l a r i f l e s s i o n e sciasciana. afferma Ambroise. (12) (11) L. Sciascia, Todo Modo. Torino: Einaudi, 1974, p. 115. (12) C. Ambroise, Invito a l i a l e t t u r a d i S c i a s c i a . Milano: Mursia, 1974, p. 209. 91 Scia s c i a e II Contesto Sci a s c i a da i l l u m i n i s t a cerca d i r i s o l v e r e i problemi umani con l a ragione. Credo n e l l a ragione umana, e n e l l a l i b e r t a e n e l l a g i u s t i z i a che d a l l a ragione scaturiscono. (13) Ma con l e sue opere vuole dimostrare quanto lontana s i a questa v i t a d a l l a l i b e r t a e d a l l a g i u s t i z i a , cioe d a l l a ragione. (14) In tempo pero s i accorge che l a sola ragione non e capace d i cambiare l'umanita e renderla migliore. Rimane percio uno Sciascia deluso e s c o n f i t t o che applica n e l l e sue opere una " f i l o s o f i a d e l l 1 e s p e r i e n z a soffusa d i pessimismo." (15) In II Contesto questa sua tendenza pessimistica e alquanto palese. La sua e una continua b a t t a g l i a contro l e (13) L. L u i s i , Leonardo Sc i a s c i a . Taranto: Mandese, 1990, p. 131. (14) Leonardo Scias c i a . p. 131. (15) Leonardo Sc i a s c i a e l a S i c i l i a . p. 153. 92 s u p e r s t i z i o n i , i p r e g i u d i z i e 1 1ignoranza. (16) Qui pero, c i s i trova i n un paese dove g l i i d e a l i s i riducono ad una p o l i t i c a che s i svolge "nel gioco d e l l e p a r t i , " (17) sul potere che prende forme degradanti. A meta del romanzo s i giunge a l punto culminante d e l l 1 investigazione da parte d i Rogas. Da un lato c i sono dei d e l i t t i che debbono essere smascherati, d a l l ' a l t r o se non s i fa g i u s t i z i a , lo Stato stesso verra a t r o v a r s i i n una situzione precaria tanto da essere minacciato e scosso a l l e fondamenta e sara "no longer free and consequently no longer ju s t . " (18) IL Contesto r c r o n i s t o r i a p a r o d i s t i c a e i n parte p r o f e t i c a d e l l a v i t a p o l i t i c a i t a l i a n a n e g l i anni '70 " c o s t i t u i s c e , i n forma d i apocalisse, i l d e f i n i t i v o tramonto d e l l ' i l -luminismo." (19) (16) Ibid., p. 153. (17) Ibid., p. 154. (18) T. O'Neill i n : L. Sciascia, Introduzione, II Contesto. Manchester: Manchester University Press, p. XV. (19) Invito a l i a l e t t u r a d i S c i a s c i a . p. 138. 93 La st r u t t u r a Come g i a l l o questa opera segue quasi l e orme t r a d i z i o n a l i . I n f a t t i ha i l potere d i tenere i l l e t t o r e i n suspense e d i giocare s u l l a sua c u r i o s i t a . Questa situazione potrebbe mutarsi i n tedio se i l narratore non facesse appello a l l 1 i n t e l l i g e n z a e immaginazione d i chi legge. Non solo e necessario sapere c i o che seguira ma piuttosto chi e perche e coinvolto nell'azione. C'e s i l ' i s p e t t o r e Rogas che attraverso le sue minute e accurate ricerche s i convince che i l mandante d i t a n t i d e l i t t i puo essere solo un certo Cres, che ha scontato una condanna d i cinque anni d i carcere perche accusato, forse ingiustamente, d i tentato u x o r i d i c i d i o . Pero t u t t i i r i t r o v a t i d e l l ' i s p e t t o r e finiscono col convergere n e l l a sua stessa morte. Quindi non c'e una soluzione che c i s i a p o s s i b i l e conoscere. Mancando 1'appagamento dovuto i l l e t t o r e deve rileggere attentamente i l romanzo e cercare da se una conclusione p l a u s i b i l e . Dice Onofri: 94 S c i a s c i a sembra rompere i l patto col l e t t o r e a l l i v e l l o d e l l 1 investigazione, d e l l a risoluzione d i una s p e c i f i c o problema criminale. (20) Lo s c r i t t o r e afferma che se c i fosse stata una conclusione non lo avrebbe s c r i t t o . Lo chiama anzi un pamphlet sebbene qui esso d i l a g h i e "sconfini n e l l 1 i n v e t t i v a , i l solo genere l e t t e r a r i o che oggi dovrebbe praticare una persona onesta." (21) Cusan, lo s c r i t t o r e onesto del romanzo, seguira l'esempio dell'autore. "Si chiudera nel s i l e n z i o o s c r i v e r a pamphlets amari come II Contesto." (22) Pochi romanzi p o l i z i e s c h i hanno poesie ma qui ce n'e una s c r i t t a d a l l o s c r i t t o r e Nocio che, guidato dai p r i n c i p i d i Pascal scommette s u l l a rivoluzione perche l u i stesso non c i perdera n u l l a ma, se n u l l a accadra, l u i avra sempre qualcosa da guadagnare. (20) S t o r i a d i S c i a s c i a . p. 154. (21) L. S c i a s c i a : La V e r i t a . L'aspra v e r i t a . p. 430. (22) Ibid., p. 421. 95 La mafia In questa parodia l a mafia s i c i l i a n a non sembra esi s t e r e piu: e scomparsa. Per meglio dire, non e da nessuna parte perche ormai e dapertutto senza che nessuno se ne s i a reso conto. Si e diramata, ha dilagato f u o r i dei c o n f i n i d e l l ' i s o l a , ha assunto forme varie e astratte e ha raggiunto l a capitale e poi t u t t a 1 ' I t a l i a . Ogni v o l t a che un essere umano aggredisce ed e s e r c i t a l a violenza contro i suoi s i m i l i , costui per S c i a s c i a e un mafioso. Tutto cio e piu evidente qui che negli a l t r i g i a l l i d e l l o stesso autore. Tutto i l sistema e corrotto: i g i u d i c i che interpretano e amministrano l a legge, i capi che dovrebbero essere i primi ad osservarla. Nel primo g i a l l o d i Sc i a s c i a B e l l o d i dice che "forse t u t t a 1 ' I t a l i a va diventando S i c i l i a . . . " . (23) Le vittime del Giorno d e l l a c i v e t t a sono semplici l a v o r a t o r i manuali e appaltatori che scompaiono dai v i v i per opera d i mafiosi l o c a l i . (23) L. Sciascia, II giorno d e l l a c i v e t t a . Torino: Einaudi, 1969, p. 155. 96 Nella seconda opera, A ciascuno i l suo f l e vittime appartengono a l i a classe dei p r o f e s s i o n i s t i come i l farmacista del paese, i l dottore e i l professore d i l i c e o . La mafia qui e ancora lo c a l e . Sia nel Todo modo che nel Contesto s i raggiunge un l i v e l l o ancora piu elevato: presidenti, avvocati, p r e l a t i e g i u d i c i eminenti. Dalla mafia d e l l a lupara s i passa a l i a mafia s o f i s t i c a t a e i r r a g g i u n g i b i l e che s i ramifichera anche nei paesi d 1oltreoceano. Due coll o q u i i l l u m i n a n t i La delusione d i Sci a s c i a stava toccando i l fondo nel constatare che l a prassi mafiosa stava invadendo 11 area del potere scosso e i n c r i s i a causa d i forze avverse. E bene sottolineare che i n questo periodo i democristiani dovettero venire ad un compromesso con i comunisti per potere fare fronte a l l e continue dimostrazioni e a t t i d i terrorismo causati da v a r i gruppi i n c l u s i i n e o f a s c i s t i . I 97 comunisti avrebbero potuto impossessarsi del governo ma sembra che i l momento non fosse ancora opportune Cio che disturba lo s c r i t t o r e e l a caccia a l potere e " l a contestualita d i governo e opposizione." (24) II Contesto che e l a prova d e l l a p o l i t i c a i t a l i a n a dopo i l 1968 "compromette g l i s t e s s i i s t i t u t i del d i r i t t o , perche l a strategia d e l l e forze p o l i t i c h e a l t e r a i l sistema e i suoi p r i n c i p i . " (25) La rivoluzione non e una soluzione f e l i c e ma solo un rovesciamento dei r u o l i t r a i l p a r t i t o che governa e 1 1opposizione. Nel colloquio con i l ministro l ' i s p e t t o r e Rogas viene ad avere una visione chiara e lampante del "paradossale e spregiudicato quadro d e l l a p o l i t i c a governativa" (26) che s i regge soltanto perche 1'opposizione e s i t a ad'impossessarsi del governo messo i n per i c o l o d a l l a g u e r r i g l i a continua dei (24) L. Cattanei, Leornardo Sciascia, Firenze: Le Monnier, 1979, p. 94. (25) Ibid., p. 100. (26) Ibid., p. 91. 98 gruppuscoli. In questa situazione i l ministro s i barcamena felicemente s i a proteggendo che minacciando i suoi avversari. II mio p a r t i t o , che malgoverna da trenta anni, ha avuto ora l a rivelazione che s i malgovernerebbe meglio insieme a l Pa r t i t o Rivoluzionario Internazionale (27) che sta al l 1 o p p o s i z i o n e . Al c a t t o l i c i r i v o l u z i o n a r i che catena dell'Onesto Consume" ministro "fanno comodo" s i a i 1 1opposizione "quasi quanto l a (28) Poi aggiunge: Questo paese, non e ancora arrivato a disprezzare i l p a r t i t o del signor Amar (cioe 1 1opposizione) quanto disprezza i l mio. (29) E anche convinto che sono i gruppuscoli che fanno l a strage dei g i u d i c i ma l ' i s p e t t o r e non condivide l a sua opinione. (27) TI Contesto. p. 59. (28) Ibid., 59. (29) Ibid., 60. 99 S i g n i f i c a t i v o e i l commiato d i Rogas dal capo d e l l a sezione p o l i t i c a presente a l colloquio. Uscendo insieme dal ministro, e g l i domanda a Rogas: Che gliene pare? Non ho opinioni. Se ne avessi, cambierei mestiere. Ho soltanto dei p r i n c i p i , dice l ' i s p e t t o r e . E l e i ? Non ho ne opinioni ne p r i n c i p i . A l i a f i n e Rogas chiede a l u i i l permesso d i fare v i s i t a a l Presidente Riches. Lei crede che oseranno arrivare a l presidente d e l l a Corte Suprema? Tocchera a l u i , una v o l t a o 1'altra...che a f a r l o ( i l colpo) s i a i l mio uomo o che siano i suoi gruppuscoli. (30) II secondo colloquio Nella lunga conversazione col presidente Riches, Rogas scopre problemi ancora piu gravi d i q u e l l i r i s c o n t r a t i n e l l a conversazione col ministro. (30) Ibid., p. 61. 100 Rogas e convinto che i l farmacista Cres mi r i a l presidente come sua ultima pedina. I n f a t t i , per puro caso, l ' i s p e t t o r e e venuto a constatare che questi vive n e l l o stesso palazzo del giudice. Chiede percio a l "vecchio pungente e astioso" (31) d e t t a g l i sul processo del farmacista d i cinque anni prima e soprattutto se c'era stato "un errore g i u d i z i a r i o . " II magistrato esclude decisamente ogni p o s s i b i l e f a l l o d e l l a g i u s t i z i a . S ' i n i z i a a l l o r a t r a i due antagonisti un dialogo serrato s u l l a l e g i t t i m i t a del Potere, che Riches i d e n t i f i c a con i l sacro magistero d e l l a Chiesa. S u l l ' a l t a r e anche un sacerdote carico d i peccati opera i l miracolo d e l l a transustanziazione. Cosi avviene con l a g i u s t i z i a . II magistrato puo essere i n privato un essere aberrante ma quando indossa l a toga diviene i n f a l l i b i l e . II sacerdote celebra l a messa cosi come i l giudice celebra l a legge. II presidente deplora le idee d i V o l t a i r e s u l l a t olleranza, sostenendo che "E stato i l punto d i partenza d e l l ' e r r o r e " ; e (31) Ibid., p. 67. 101 inneggia a l i a c e c i t a d e l l a g i u s t i z i a quando sostiene che "l'er r o r e g i u d i z i a r i o non e s i s t e . " (32) "Ma che vuol dire essere innocenti quando s i cade nell'ingranaggio?" dice i l pro p r i e t a r i o d e l l 1 o f f i c i n a interrogato da Rogas. Anche l u i aveva scontato una pena immeritata per un crimine che non aveva commesso. A quanto pare l u i ha una visione ben d e f i n i t a d e l l a g i u s t i z i a ! Non c'e alcun dubbio che lo Stato d i II Contesto "e au t o r i t a r i o e autocratico e d i natura teologica." (33) Dopo i due collo q u i Rogas f i n i s c e col rendersi conto che non g l i sara p o s s i b i l e cambiare i l corso d e g l i eventi. Cres portera a termine i l suo progetto macabro e i l presidente Riches sara l a sua ultima vittima. (32) Ibid., p. 70. (33) S t o r i a d i Sc i a s c i a . p. 161. 102 B e l l o d i e Rogas G l i eroi dei g i a l l i s c i a s c i a n i sono de g l i pseudo-letterati dice Ambroise. In B e l l o d i c'e l a passione a l i a v e r i t a e a l l ' i d e a l e democratico. L 1erudito capitano dei c a r a b i n i e r i n e l l a sua c a r r i e r a e r i u s c i t o a penetrare nel profondo d e l l a natura umana a meglio comprendere s i t u a z i o n i i n s o l i t e . La sua t a t t i c a l'ha salvato dai c o l p i mancini d i don Mariano Arena, avvalendogli 1'ammirazione del vecchio mafioso. In B e l l o d i l a fede n e l l a Costituzione e n e l l a Resistenza vengono scosse. Lui, i l protettore d e l l a legge, s i trova d i fronte ad una "associazione per delinquere nata per ragioni s t o r i c o - s o c i a l i . " L'ispettore Rogas usa i l suo sapere non per cercare d'interpretare un certo tipo d i societa ma per meditare e t r a r r e deduzioni. E un l e t t o r e colto e r a f f i n a t o , frequenta g a l l e r i e d'arte e t e a t r i ; e amico d i s c r i t t o r i . Ma i superiori lo spingono 103 ad indagare n e g l i ambienti d e l l a s i n i s t r a extraparlamentare al solo scopo d i alimentare una certa tensione e non per arrestare 1'autore d e l l a strage dei g i u d i c i . Riches e Rogas II presidente d e l l a Corte Suprema e un uomo intransigente e a u t o r i t a r i o . E l a figura del "grande i n q u i s i t o r e " , (34) come dice Onofri, che passa d a l l a forza d e l l a l e g i t t i m i t a a l i a i n f a l l i b i l i t y dei g i u d i c i . Per t u t t i i casi passati i l problema del giudicare 11 ho r i s o l t o sempre: e 1' ho r i s o l t o nel fatt o stesso d i g i u d i c a r l i ( g l i accusati), n e l l ' a t t o d i g i u d i c a r l i . . . (35) Rogas e una " i n t e l l i g e n z a inquieta che cerca, s i tormenta, dubita e confronta." (36) S i pud dire che sotto d i l u i s i cela lo stesso S c i a s c i a . (34) Ibid., p. 144. (35) II Contesto. p. 69. (36) Leornardo Scias c i a . p. 99. 104 Per Riches 1 1avvento d e l l e masse mette i n pericolo l a g i u s t i z i a ed anche l a sicurezza d e l l 1 i n d i v i d u o . Se i l d i r i t t o non s 1adegua a l i a r e a l t a cui presiede diviene strumento d 1inganno. Cosicche Rogas, 1'uomo onesto d e l l a legge viene ucciso come un criminale perche le presenti circostanze precludono a l l 1 i n d i v i d u o l a p o s s i b i l i t y d i essere u t i l e a l i a societa. Riches invece muore per mano d i un uomo che vuole vendicare i l suo onore. Conclusione del capitolo In conseguenza d i questo romanzo, i comunisti i t a l i a n i hanno accusato S c i a s c i a d i mancanza d i p r i n c i p i , i l suo s l i t t a r e verso i l compromesso s t o r i c o per cercare d i evitare l a rivoluzione e i l congelamento del potere. Invece S c i a s c i a con l e sue opere ha voluto mettere i n evidenza 1 1isolamento in cui s i trova un i n t e l l e t t u a l e d i r e t t a coscienza come Rogas esposto a f r u s t r a n t i c o l l o q u i i n cui l e i s t i t u z i o n i e l a cultura sono completamente stravolte e fraintese. 105 II Contesto e " l a nostra societa o meglio i l potere maligno che l'avviluppa e l a sovrasta," (37) scrive Paolo Milano. Se s i fa attenzione a l l ' epigrafe, presa i n p r e s t i t o da Rousseau che Sc i a s c i a ha posto come introduzione a l suo l i b r o , s i legge: 0 Montaigne! Tu che t i p i c c h i d i franchezza e d i v e r i t a , s i i sincero e verace, se puo esserlo un f i l o s o f o , e dimmi se e s i s t e s u l l a t e r r a un paese dove s i a d e l i t t o i l mantenere l a parola data e 1'essere dementi e generosi; dove i l buono s i a disprezzato e onorato i l malvagio. Questo sfogo d i Rousseau puo essere invece l a chiusa d i II Contesto insieme a l l ' esclamazione d e l l ' anonimo (Sciascia stesso): "0 Rousseau!" (38) che racchiude t u t t a l'amarezza d i tanto s c r i t t o r e i l quale ha cercato d i fare pervenire i l suo messaggio ovunque e a t u t t i . (37) L. S c i a s c i a : La V e r i t a . L'aspra v e r i t a . p. 385. (38) II Contesto. Introduzione, p. XV. 106 Nel 1975 Francesco Rosi ne fa un f i l m sotto i l t i t o l o d i Cadaveri e c c e l l e n t i . II B r i t i s h Film I n s t i t u t e (39) s i esprime cosi a l riguardo: "This i s probably Francesco R o s i 1 s greatest f i l m and one of the most unsettling p o l i t i c a l t h r i l l e r s ever made i n Europe." Sciascia non ha potuto difendere i suoi sani p r i n c i p i con l a spada ma ha fatt o ampio uso d e l l a penna. Auguriamoci che esso s i a d i stimolo a combattere, ad "aprire f i n e s t r e " , a "spazzare v i a tante vecchie e i g n o b i l i cose," da questo mondo i n decadenza. (39) I l l u s t r i o u s Corpses. B r i t i s h Film I n s t i t u t e , i n : P a c i f i c Cinematheque, The Films of Francesco Rosi, November 1994, p. 7. 107 CONCLUSIONE La mafia internazionale La mafia moderna secondo l a definizione del di z i o n a r i o Garzanti e un' associazione criminale che usa metodi d i repressione e d i intimidazione i n dif e s a d i i n t e r e s s i p a r t i c o l a r i s t i c i facendo leva s u l l a paura e sui pre g i u d i z i d e l l a popolazione. (1) Con 1 1emigrazione transoceanica alcuni gruppi mafiosi, venendo a contatto con i l gangesterismo americano, s i diedero a l t r a f f i c o d i stupefacenti e a l t r i generi d i contrabbando. (1) V. F r o s i n i , F. Renda, L. Sciascia, La mafia f quattro studi. Bologna: Boni, 1970, p. 60. 108 Nel dopoguerra g l i i n d e s i d e r a b i l i cioe i gangsters s i c i l i a n i furono espulsi dagli S t a t i U n i t i d'America perche lo Stato non era "stato capace d i produrre prove s u f f i c i e n t i per mandarli i n galera." (2) Lucky Luciano fu uno d i loro che continuo l a sua a t t i v i t a i l l e c i t a anche i n I t a l i a . Francesco Rosi ha fatto un f i l m anche su d i l u i . Come l u i f u Joe Peci. Rimpatriato dal governo statunitense nel 1940, r i u s c i a fare pervenire ad una gang del Kansas qu i n d i c i chilogrammi d i pura eroina. II r i s u l t a t o d i espulsioni a catena costrinse i capi mafiosi a cambiare sede e, f i n dal 1963, i l nuovo centro e 1 ' I t a l i a . Oltre a l t r a f f i c o d e l l a droga che e i l piu r e d d i t i z i o , v i sono anche l a t r a t t a d e l l e bianche e d e l l e p r o s t i t u t e e i l gioco d'azzardo. E importante sottolineare che n e l l ' i s o l a e s i s t e 1 1organizzazione d e l l a malavita. Con l a s o l i t a legge dell'omerta e del s i l e n z i o questa e divenuta quasi impenetrabile e i n v i o l a b i l e . Percio i segreti d e l l a mafia (2) M. Panteleone, Mafia e p o l i t i c a , Torino: Einaudi, 1963, p. 212. 109 sono ben c e l a t i e cio le permette d i continuare indisturbata i suoi commerci clandestini e i d e l i t t i ad e s s i connessi rimangono i l piu d e l l e volte impuniti. La Democrazia C r i s t i a n a s i e sempre r i f i u t a t a d i promuovere incheste e f f i c a c i s u l l ' o r i g i n e , le cause, i metodi, i legami economici e p o l i t i c i d e l l a mafia s i c i l i a n a forse a causa del convolgimento d e l l a mafia stessa e d i molti dei suoi parlamentari. Con l a legge del 20 dicembre 1962 s i formo l a commissione parlamentare d'inchiesta 1'Antimafia. (3) F r o s i n i dice d i avere voluto analizzare 1'opera d i S c i a s c i a non come arte l e t t e r a r i a che, senza alcun dubbio, e a l l ' a l t e z z a d e l l e m i g l i o r i opere l e t t e r a r i e del suo tempo, ma proprio i n relazione a l i a presente situazione d e l l a coscienza meridionale. S c i a s c i a stesso n e l l a nota f i n a l e a l suo l i b r o Pirandello e l a S i c i l i a dice d i (3) La mafia, quattro studi. p.32. 110 avere voluto dare una n o t i z i a d e l l a S i c i l i a attraverso p a r t i c o l a r i l e t t u r e ed esperienze; una n o t i z i a soltanto n e l l a forma diversa d i quelle che in a l t r i l i b r i ho tentato d i comunicare a i l e t t o r i . (4) Tuttavia, da ciascuno dei quattro l i b r i a n a l i z z a t i s i leva un' invocazione accorata d'un essere che mette a nudo t u t t i i d i f e t t i ed e r r o r i d e l l a gente d e l l a sua t e r r a perche l a coscienza dei suoi s i m i l i s i svegli e risponda, non con simpatia o comprensione solamente, ma positivamente, e cerchi d i porre r i p a r i prima che s i a troppo t a r d i non solo per l a S i c i l i a ma per 1 ' I t a l i a intera. Siamo nel 1995 ma non sembra che v i s i a ancora un serio impegno a questa causa. Fino ad ora c i sono soltanto dei c r i t i c i che attaccano Leonardo Sc i a s c i a personalmente e l e sue opere l e t t e r a r i e . Tre a r t i c o l i sono apparsi recentemente nel giornale l a Repubblica. (5) (4) Ibid., p. 96. (5) P. A r l a c c h i , Streaato d a l l a mafia f a r t i c o l o dal giornale La Repubblica, 1993, p. 23. I l l II primo a r t i c o l o dal t i t o l o Streaato d a l l a mafia mette piu in r i l i e v o i l ritorno d i S c i a s c i a i n S i c i l i a e i l s i l e n z i o d i cui l o s c r i t t o r e s i e circondato. Queste sono le parole d i Pino A r l a c c h i ; gravissimi furono i suoi s i l e n z i mentre a l t r i sfidavano le cosche... (6) N e l l 1 a r t i c o l o del 21 dicembre 1993 del medesimo giornale, Tranfaglia contesta l e parole d i Arlacchi riguardanti cio che questi r i t i e n e assere l a codardia d i S c i a s c i a . Lo s c r i t t o r e s i c i l i a n o non e un codardo ma, 1 ' I t a l i a e sotto una cappa d i conformismo t a l e da non rendersi conto che c i sono g i u d i c i c o r r o t t i e p o l i z i o t t i f a r a b u t t i . (7) Per Tranfaglia S c i a s c i a e un pessimista d i prima, che e divenuto particolarmente d i f f i d e n t e d i fronte a l i a p o l i t i c a come a l l e i s t i t u z i o n i d e l l a Repubblica. (8) (6) Ibid., p. 23. (7) Tranfaglia, La Repubblica, S c a l f a r i , a r t i c o l o : S c i a s c i a . preai e d i f e t t i . 21 dicembre 1993, p. 24. (8) Ibid., p. 24. 112 Ha anche curiose contraddizioni, continua i l g i o r n a l i s t a , come quella d i scrivere dei romanzi che sono impregnati d i pessimismo non rendendosi conto che l a mafia dispone d i v a l i d i appoggi t r a g l i uomini d i governo. N e l l ' a r t i c o l o del 14 dicembre 1993 "Perche non amo Sciascia" Pino Arlacchi dice che i g i a l l i s c i a s c i a n i non g l i sono p i a c i u t i perche mi sembrano i n l i n e a con una tradizione s c e t t i c a e c i n i c a d e l l a cultura s i c i l i a n a che ritengo obsoleta e vo r r e i vedere superata. (9) Si riprende i n seguito elogiando l a chiarezza d e l l 1 u n i v e r s o morale e perfino psicologico d e l l a mafia. La coscianza c i v i l e e 1'Antimafia negli anni Ottanta hanno dimostrato che, con processi e s t r a g i , s i e cercato d i fare qualcosa per debellare questo cancro ma non e ancora abbastanza. II problema non e solamente s i c i l i a n o , afferma Pantaleone. (9) P. A r l a c c h i , a r t i c o l o : Perche non amo S c i a s c i a . 14 dicembre 1993, p. 25. 113 II risanamento morale e sociale d e l l ' i s o l a e s i , un dovere c i v i c o d e g l i uomini onesti s i c i l i a n i , ma anche un dovere sociale d e l l ' i n t e r a classe dirigente nazionale. (10) 0 s i affronta l a situazione apertamente e risolutamente o e meglio, restando sordi a l l ' a p p e l l o d i S c i a s c i a , abbandonare completamente l a causa sopportando g l i abusi d i gente criminale. Appendice s t o r i c a II 14 febbraio 1963 viene c o s t i t u i t a l a Commissione Antimafia a l i a quale l a mafia medesima ha reagito con spietate s t r a g i . Salvatore Lupo dice a proposito: A cavallo d e l l a guerra d i mafia, i n i z i a i n S i c i l i a una strage d i personaggi d i primissimo piano. (11) 1 mafiosi a r r e s t a t i da questa commissione parlano rompendo l a legge dell'omerta, facendo nomi e accusando i loro a f f i l i a t i . (10) Mafia e p o l i t i c a . p. 278. (11) Salvatore Lupo, Sto r i a d e l l a mafia, Roma: Donzelli, 1993, p. 216. 114 II 30 a p r i l e 1982, i l generale Carlo Alberto Dalla Chiesa "uomo d i grande p r e s t i g i o " (12) viene nominato prefetto d i Palermo come coordinatore d e l l a l o t t a a l i a mafia. II 6 settembre d e l l o stesso anno viene ucciso insieme a l i a moglie. Nel l u g l i o 1983 i l giudice Giovanni Falcone emette 14 mandati d i cattura contro g l i assassini d i Dalla Chiesa. Nel gennaio 1987 i l giudice Paolo Borsellino diviene procuratore capo d i Marsala. Un "professionista dell'antimafia" come lo chiama Sc i a s c i a . L'8 giugno 1992 Borsellino viene ucciso insieme a cinque uomini d e l l a sua scorta. II 21 settembre 1990 trova l a morte i l giudice Rosario Livatino, spesso chiamato nell 1ambiente i l "giudice ragazzino" per l a sua eta e l a sua esuberanza. In quel (12) Ibid., p. 217. 115 momento stava facendo una rigorosa investigazione s u l l e famiglie mafiose d i Agrigento. Nel maggio 1992 i l giudice Giovanni Falcone viene anche l u i ucciso insieme a l i a sua scorta (con una esplosione sul1 1 autostrada presso l a l o c a l i t a d i Capaci). Falcone aveva detto che fare i l giudice d i mafia e vot a r s i a l i a morte. II mio conto con l a mafia lo saldero con l a mia morte. (13) E cosi e avvenuto per l u i come per g l i a l t r i s o s t e n i t o r i d e l l a legge. Nel 1993 e stato arrestato Totd Riina, a l l o r a capo d e l l a Cupola mafiosa d i Palermo. E l a l o t t a contro l a mafia continua. (13) Giorgio Bocca, L'Inferno Profondo sud. male oscuro. Milano: Mondadori, 1992, p. 181. 116 OPERE DI LEONARDO SCIASCIA Favole d e l l a d i t t a t u r a . Roma: Bardi, 1950. La S i c i l i a . i l suo cuore, Roma: Bardi, 1952. Pirandello e i l pirandellismo. Caltanisetta: Sciascia, 1953. Le parrocchie d i Reaalpetra, Bari: Laterza, 1956. G l i z i i d i S i c i l i a . Torino: Einaudi, 1958. Pirandello e l a S i c i l i a , Caltanisetta-Roma: Sciascia, 1961. II giorno d e l l a c i v e t t a . Torino: Einaudi, 1961. II c o nsiglio d'Eaitto. Torino: Einaudi, 1963. Morte d e l l ' i n q u i s i t o r e . B a r i : Laterza, 1964. Feste r e l i g i o s e i n S i c i l i a , B a r i : Leonardo da V i n c i , 1965. L'onorevole, Torino: Einaudi, 1965. A ciascuno i l suo, Torino: Einaudi, 1966. Recitazione d e l l a controversia l i p a r i t i a n a dedicata ad A.D., Torino: Einaudi, 1969. La corda o a z z a . S c r i t t o r i e cose d e l l s S i c i l i a , Torino: Einaudi, 1960. II contesto. Una parodia. Torino: Einaudi, 1971. A t t i r e l a t i v i a l i a morte d i Raymond Roussel. Palermo: Esse, 1971. I mafiosi, i n "II dramma", novembre-dicembre, 1972. II mare colore del vino. Torino: Einaudi, 1973. 117 Todo modo,. Torino: Einaudi, 1974. La scomparsa d i Miorana, Torino: Einaudi, 1975. L'Onorevole. Recitazione d e l l a controversia l i p a r i t i a n a . I mafiosi r Torino: Einaudi, 1975. I pugnalatori. Torino: Einaudi, 1976. Candidido ovvero un soano fatt o i n S i c i l i a . Torino: Einaudi, 1977. L'affare Moro, Palermo: S e l l e r i o , 1978. Dalla parte d e a l i i n f e d e l i . Palermo: S e l l e r i o , 1979. Nero su nero. Torino: Einaudi, 1979. II teatro d e l l a memoriaf Torino: Einaudi, 1981. La sentenza memorabile, Palermo: S e l l e r i o , 1982. Cruciverba, Torino: Einaudi, 1983. Stendhal e l a S i c i l i a , Palermo: S e l l e r i o , 1984. Occhio d i capra r Torino: Einaudi, 1984. Cronachette. Palermo: S e l l e r i o , 1985. La Strega e i l capitano f Milano: Bompiani, 1986. 1912 + l r Milano: Adelphi, 1987. Porte aperte r Milano: Adelphi, 1987. II cavaliere e l a morte. Milano: Adelphi, 1988. Una s t o r i a semplice. Milano: Adelphi, 1989. OPERE. 1956-1971. a cura d i Claude Ambroise, Milano: C l a s s i c i Bompiani, 1987. OPERE. 1971-1983, Milano: C l a s s i c i Bompiani, 1989. 118 BIBLIOGRAFIA A.C.I.P.E. Sciascia, S c r i t t u r a e v e r i t a . Palermo: Flaccovio 1991. Abruzzi, G. Ghetti. L. Sc i a s c i a e l a S i c i l i a . Roma: Bulzoni 1974. Ambroise, Claude. Leonardo Sc i a s c i a - Opere 1971-1983. Milano: Bompiani, 1989. . Invito a l i a l e t t u r a d i S c i a s c i a . Milano: Mursia 1992. Biagi, Enzo; Ca r l u c c i , Antonio; P a o l i , L e t i z i ; and Stancanelli, Bianca. Mafia. Milano: Mondadori, 1992. Blok, Anton. The Mafia of a S i c i l i a n V i l l a g e . 1860-1960. a study of v i o l e n t peasant enterpreneurs, London: William Clowes & Sons Ltd., 1974. Bocca, Giorgio. L'Inferno f Profondo sud f Male oscuro. Milano: Mondadori, 1993. Bondanella, Peter. I t a l i a n Cinema. New York: Continuum, 1991. Cattanei, L u i g i . Leonardo Sc i a s c i a . Firenze: Le Monnier, 1979. 119 Chubb, Judith. The Mafia and P o l i t i c s : the I t a l i a n State under Siege. Itaca, N.Y.: Center for International Studies, Cornell University, 1989. C i l l u f f o , F i l i p p o . Leonardo Sc i a s c i a : cinque immagini d e l l a S i c i l i a . Palermo: Quaderni del meridione, 1965. DiGrado, A. Leonardo S c i a s c i a : La Fiaura e 1'Opera. Marine di P a t t i , (ME): Pungitopo, 1986. Ferroni, G i u l i o . P r o f i l o s t o r i c o d e l l a l e t t e r a t u r a i t a l i a n a . Milano: Einaudi, 1992. F r o s i n i , V.; Renda, F.; and Sciascia, L. La Mafia - 4 Studi. Bologna: Boni, 1970. Ianni, Francis A.J. A Family Business. New York: Russell Sage Foundation, 1972. Jackson, Giovanna. Leonardo Sciascia, 1956-1976. Ravenna: Longo, 1981. Kezich, T u l l i o and Sebastiano, Gesu. Salvatore Giuliano. Incontri con i l cinema. Acicatena: 1991. Lo Dico, Onofrio. Leonardo Sciascia, Tecniche narrative e ideoloqia, Caltanissetta-Roma: Salvatore Sciascia, 1988. Lugani, Va l e r i o . S i c i l i a . Milano: Ricordi, 1973 L u i s i , Luciano. Leonardo S c i a s c i a . Taranto: Mandese, 1990. Lupo, Salvatore. Storia d e l l a mafia. Roma: Donzelli, 1993. Martin, Clark. Modern I t a l y 1871-1982. New York: Longman, 1991. Mauro, Walter. S c i a s c i a . 48 II Castoro, Firenze: Tipografia S.T.I.A.V., 1970. < 120 Motta, Antonio. Leonardo Sc i a s c i a . La v e r i t a . 1'aspra v e r i t a . Bari: Locaita, 1985. Onofri, Massimo. S t o r i a d i S c i a s c i a . Roma-Bari: Laterza, 1994. Pantaleone, M. Mafia e p o l i t i c a 1943-1966. Torino: Einaudi, 1963. P a s o l i n i , Pier Paolo. Descrizioni d i d e s c r i z i o n i . Torino: Einaudi, 1979. Petacco, Arrigo. II prefetto d i fer r o . Milano: Mandadori, 1992. Procacci, Giuliano. History of I t a l i a n People. London: Penguin, 1970. Rosa, Gino. A l i a scoperta d e l l a S i c i l i a . Brescia: La Scuola, 1966. Sciascia, Leonardo. II contesto. Edited by Tom O'Neill, Manchester: Manchester University Press, 1986. . A ciascuno i l suo. Torino: Einaudi, 1966. . I Giorno d e l l e Civetta. Torino: Einaudi, 1974. . Pirandello e l a S i c i l i a . Caltanisetta-Roma: Laterza, 1961. . The Day of the Owl — Equal Danger, (with an afterword by Frank Kermode). Manchester: Carcanet Press Ltd., 1984. . Todo Modo. Torino: Einaudi, 1974 . Cruciverba, Torino, Einaudi, 1983 . A ciascuno i l suo. Boston: M i f f l i n , 1976. 121 ARTICOLI Amoruso, V. "II giorno d e l l a c i v e t t a . " Nuova corrente r no. 22, aprile-giugno, 1961, p. 86-87. Arla c c h i , P. "Perche non amo Sc i a s c i a . " La Repubblica, 14 dicembre 1993. . "Stregato d a l l a mafia." La Repubblica. 23 dicembre 1993. Bo, Carlo. "La violenza truccata." Corriere d e l l a sera, 26 gennaio 1975. La Fay, Howard. " S i c i l y , Where A l l the Songs Are Sad." National Geographic Society. Vol. 143, No. 3, March 1976. Milano, P. L'Espresso, 12 dicembre 1971. Pampaloni, G. "Dove 1 1 i o ha una parte maggiore." Corriere d e l l a sera f 9 gennaio 1972. S i c i l i a n o , E. "La S i c i l i a d i Scia s c i a . " II Mondof 20 settembre 1973. Spinazzola, V. "II tema morale." L'Unita, 25 gennaio 1975. Tranfaglia, N. "Sciascia, pregi e d i f e t t i . " La Repubblica. 21 dicembre 1993. 1 SUMMARY of the thesis: "La mafia e i l g i a l l o sciasciano" This thesis deals with the mafia through Leonardo Sciascia's work. The introduction In the introduction there i s a b r i e f history of S i c i l y . Because of i t s s t r a t e g i c location i n the Mediterranean sea, S i c i l y has always suffered at the hands of foreign nations. Spain ruled i t almost constantly from the f i f t e e n t h century u n t i l 1860, when the I t a l i a n u n i f i c a t i o n was nearly completed. Sciascia has been e s p e c i a l l y interested i n the Spanish conquest because i t determined many c h a r a c t e r i s t i c s which define S i c i l y today. 2 During t h i s period the old law of "omerta" developed which means a conspiracy of silence used by the inhabitants of the island for th e i r mutual and family protection against the conquerors. The Spanish rule was harsh and "omerta" was used as means of s e l f preservation. In time i t became the basic p r i n c i p l e of the "mafia." The mafia started as an agrarian phenomenon. With time i t adapted i t s e l f to the i n d u s t r i a l i z e d world and spread a l l over I t a l y and took possession of the central government. Don Gaetano the clever prelate of "Todo modo" asked the minister at the dinner table: "Does the State s t i l l exist? I f e l t so safe knowing that i t does not exis t any more . . . " Four detective novels are analyzed. Each shows a d i f f e r e n t aspect of the mafia, how i t has spread from the "mafia d e l l a lupara" ( l o c a l mafia) to the sophisticated mafia. The t i t l e s of these novels are: 1. II giorno d e l l a c i v e t t a (The Day of the Owl) 2. A ciascuno i l suo (To Each His Own) 3 3. Todo modo (One Way or Another) 4. II contesto (Equal Danger) Most of the settings are S i c i l i a n except the l a s t one where the action could take place anywhere i n the world. The structure of a l l of the s t o r i e s follows the t r a d i t i o n a l detective novel. The use of the detective motif i s , however, only a vehicle for s o c i a l and p o l i t i c a l comments, and not a means for solving a mystery. At the end, the reader i s l e f t to his own deductions. In his work, the writer emphasizes i n p a r t i c u l a r the ex p l o i t a t i o n of the S i c i l i a n s by those powers (foreign or native), the poverty of the land and, consequently, the moral depression of the people. "II giorno d e l l a c i v e t t a " deals with the l o c a l mafia which imposes i t s e l f on the peasants and the "cosche." The f i r s t man i s k i l l e d because he does not abide by the system of protection (a kind of payoff to the l o c a l mafia members) although he had previously received two warnings. 4 In "A ciascuno i l suo" the mafia i s s t i l l l o c a l but i t has already reached Rome and Montecitorio. The victims of the mafia belong to the professional c l a s s : a pharmacist, a doctor and a professor; the abettor i s an attorney who abuses his power to reach criminal means. It seems a "crime passionnel" but the doctor, the real target, intends to reveal and document the corruption of a member of the opposition. In "Todo modo" the mafia has invaded the Central Government both in the p o l i t i c a l sector and i n the administration where i n d u s t r i a l i s t s , bankers, and r e l i g i o u s people are involved. The mafia has l o s t completely i t s c h a r a c t e r i s t i c S i c i l i a n feature. It has become a general and abstract state of corruption which has no boundaries. In "Contesto" the mafia dominates the j u s t i c e system causing the corruption of many magistrates l i k e Judge Riches of the Supreme Court. From the small, f o l k l o r i s t i c S i c i l i a n town of e a r l i e r works, the author has moved to the featureless, subtle, unreachable, sophisticated mafia. It i s an urban, cosmopolitan system of corruption involving the e l i t e class of judges and high p o l i t i c a l figures. The State i t s e l f i s threatened i n i t s very foundations (incarnated i n l i b e r t y and j u s t i c e ) , i s no longer 5 free and consequently i s no longer just. Therefore the hero, the inspector Rogas who becomes a champion for j u s t i c e , has to die l i k e a criminal because he acted " f u o r i del suo u f f i c i o , contro i l suo u f f i c i o . " That i s outside his power and against his power. The content of each of these novels i s as follows: 1. " The day of the owl" i s a short story of an investigation conducted by the captain of the Carabinieri B e l l o d i on the murder of a man who was k i l l e d by a shotgun one morning on the town square while boarding the bus. The reason? He was a small but an honest contractor who did not abide by the system of protection (a payoff to the l o c a l mafia), i n spite of having already received two previous warnings. The second v i c t i m i s a potential witness who disappeared and l a t e r his body was found i n a p i t . The t h i r d v i c t i m was the p o l i c e informer. The i n t e l l i g e n t and scrupulous work of B e l l o d i leads to the arrest of don Mariano Arena, the mafia boss of the area. Even with a l l the proof i n the world, even with the admission to the crime by those involved, even with a subtle admission of the crime by the mafia boss, there i s nothing Captain B e l l o d i can do 6 to bring those involved to j u s t i c e . In fact, the mafiosi finds a witness who with his l i e s gives an unshakeable a l i b i , and don Mariano goes free. The success of the mafia even at t h i s l e v e l i s achieved by the terror i t can arouse among the townsfolk by t e r r i f y i n g them to the point that no person w i l l ever admit anything. They follow the law of "omerta" (silence demanded by loyalty) thus becoming accessories to the many crimes that the mafia members commit. 2. In the book "To each his own" (1966), s i m i l a r crimes are committed. The I t a l i a n t i t l e of the book "A ciascuno i l suo" i s the tr a n s l a t i o n of the Vatican newspaper's (Osservatore Romano) Latin motto "Unicuique Suum". An anonymous l e t t e r received from the f i r s t v i c t i m containing the death-threat had been cut o f f from the same paper. The re c i p i e n t of t h i s l e t t e r was the l o c a l pharmacist Manno. Later, he and his fri e n d Dr.Roscio are b r u t a l l y murdered. The t h i r d victim i s the professor Laurana, the improvised detective, who out of c u r i o s i t y and with detective luck f i n a l l y finds the motive and 7 the c u l p r i t s of the double murder of the Pharmacist and of the town's physician, Dr. Roscio. By then, having accidentally raised suspicion by his various i n q u i r i e s into the murders, the professor, too, disappears and i s found " l y i n g under a heavy p i l e of lime, i n an abandoned sulphur mine . . . " He knew too much and the prestige of his possible executor, involved i n dubious a c t i v i t i e s with the mafia, was at stake, so the poor amateur investigator had to die. The atmosphere i s f i l l e d with the overriding power of the mafia that no one wants to acknowledge, no one wants to point out, and no one wants to discuss as i s well described i n the dialogue: "You know me. I don't t a l k . Not even i f they were to put me i n the g r i d ! " In short i t i s a most pleasant detective story other than the alarming f e e l i n g of the cancerous power of the mafia, the word of which i s only mentioned two or three times i n the novel. 8 3. "One Way or Another" was published for the f i r s t time i n 1974. The unsolved mystery novel was written i n a contemporary setting i n I t a l y by a t r a v e l l i n g painter and author of mystery novels. It i s the story of a t r i p l e murder i n a hotel run by a p r i e s t as a retreat for the establishment. The story i s written in the f i r s t person and one i s tempted to think whether i t i s Sciascia himself writing about his own experience i n t h i s hotel. From the beginning when he enters the Zafer Hermitage/Hotel to the end of the story where Don Gaetano i s discovered dead, there i s a Hitchcockian aura: the events are presented i n a p e r f e c t l y l o g i c a l way but where are the motives for these murders? One has to interpret the dialogue, which i s very well presented, mostly on a purely i n t e l l e c t u a l manner. A l l the discussions are taking place between the painter and Don Gaetano, the owner of the place and make ample references to the fathers of European l i t e r a t u r e to support t h e i r own positions. He has b u i l t the hotel and one can only guess, l a t e r i n the story, where the money came from, namely from the same people who attend the retreat every year. Many guests are introduced: a minister, obviously a Chr i s t i a n Democrat, one Cardinal, three Bishops, several company directors, chairmen, vice-presidents, and other important 9 p o l i t i c a l and business men. There are also f i v e young female guests i n the hotel for the pleasure of some guests. These men represent the r e l i g i o u s , p o l i t i c a l , and other important secular organizations. They are together supposedly following the " s p i r i t u a l exercises" but i n r e a l i t y they are there to negotiate secret a l l i a n c e s and engagements. The exercises o r i g i n a l l y had been formulated by Loyola, the founder of the Jesuits (1491-1556). The t i t l e i t s e l f refers to Loyola's dictum that a l l means must be employed to seek the w i l l of God. "Have we given to God what belongs to God?" says don Gaetano at the end of his sermon afte r the f i r s t d e l i c i o u s dinner. The f i r s t murder brings i n two new characters i n the plot, the Public Prosecutor and Chief Inspector Scalambri and his Police Inspector. During the investigation another murder takes place. It i s the lawyer Voltrano, who f a l l s , or i s pushed from the terrace on top of the building. To make t h i s unpleasant s i t u a t i o n more complicated don Gaetano himself subsequently i s found dead. 10 The mafia has l o s t e n t i r e l y the S i c i l i a n features; i t has become sophisticated, untouchable, v i o l e n t , unconscious, and so common that no one recognizes i t as such. I t i s almost a symbol for a general attitude or a psychological state of mind. The o r i g i n a l mafia can be taken here as a metaphor for a phenomenon connected with power, corruption and violence. The story ends without the t r a d i t i o n a l i d e n t i f i c a t i o n , admission and capture of one or several perpetrators i n the Agatha C h r i s t i e s t y l e and without an explanation of the motives. However, one can surmise that there was concealment or cover-up of the facts by the guests, many of whom knew each other. These guests knew who committed the crime. The three murders but th e i r interests were i n keeping the retreat out of the limelight. Perhaps the clever Don Gaetano knew too much or Voltrano, a victim, was involved i n blackmail? Although never mentioned, one can ask, was the group under the benevolence of the mafia? Or were they themselves mafia bosses? The dialogue i s loaded with irony and double entendre p a r t i c u l a r l y i n the various discussions between the secular painter and the p r i e s t . 11 Don Gaetano i s indeed quite a character as the reader discerns; a well educated person, with a sharp tongue and wit, often sarcastic, sometimes arrogant, showing an a i r of superiority well founded because of his i n t e l l e c t u a l prowess. No, he did not commit suicide, even with the revolver found near him. Or did he? Perhaps the painter got r i d of him because of the p r i e s t ' s d i a b o l i c a b i l i t y to fascinate him? Asked by Scalambri with the c l a s s i c question: Where were you at the time of the murder? And the ambiguous answer was: "I went to k i l l don Gaetano!" Naturally the chief inspector did not believe him. 4. "Equal Danger" was published the f i r s t time i n 1971. This story covers the investigation by inspector Rogas into the murders of various judges including the d i s t r i c t attorney Varga. The author shows here the cosmopolitan system of corruption that has invaded the e l i t e class of judges and high p o l i t i c a l figures. The minister of j u s t i c e openly proclaims his own corruption and that of his government. Riches, the President of the Supreme 12 Court, defend the i n f a l l i b i l i t y of the j u d i c i a r y system no matter how imperfect are the individual judges. The story shows how clever, highly motivated, and shrewd the police detective Rogas i s . In his investigation he discovers corruption i n the murdered judges' careers and i n the government's body. His undesirable finding leads to his dismissal and, at the end, to his death caused by his attempt to sabotage the r u l i n g class and restore j u s t i c e . It i s no wonder that he had to die innocently! Sciascia started writing t h i s "parody" as he c a l l e d i t , for fun but he ended no longer enjoying i t because of the extremely serious and dangerous content. The novel i s feeble at the end primarily because the characters are feeble e s p e c i a l l y Rogas who has to face the machinery of a h o s t i l e system. The forces of good are blocked by those of e v i l . The l o g i c used by the force of power i s there only for i t s own sake and commands a s a c r i f i c i a l victim i n Rogas. So the honest, scrupulous Rogas dies as i f he was a criminal. He who wanted to free the State did not r e a l i z e that he himself was a prisoner of those who detained the State. 13 In t h i s novel S c i a s c i a f u l f i l l s more than ever his duty to the society as a writer, to show that the mafia has contaminated the very i n s t i t u t i o n of j u s t i c e , p o l i t i c a l p a r t i e s and the government. Rogas faces the whole system which f u l f i l l s a l l the mafia objectives with the means of the l o c a l mafia: protection, collusion and ambition under the o f f i c i a l , established order. Why did Sc i a s c i a write these novels? Because he believed i n freedom and j u s t i c e but he saw the spreading of e v i l everywhere, and t r i e d to stop i t . Why did his detectives never reach t h e i r goal of justice? Simply because the society they l i v e i n i s h o s t i l e and corrupt. Has Sciascia appeal to j u s t i c e reached the Italians? The answer to t h i s question i s found i n the Conclusion of t h i s thesis. Epilogue During the f a s c i s t regime many criminal elements of the mafia i n S i c i l y were arrested and exiled. As soon Fascism f e l l the mafia 14 re-emerged more powerful than before and t h i s s i t u a t i o n was close l y linked to the A l l i e d invasion and occupation of the island in 1943. Unt i l the late 1970s the mafia violence was directed against other mafiosi. When i t became p o l i t i c a l i t attacked the leaders of opposition parties or popular movements that challenged the mafia power. From 1979 to 1988 three magistrates were the victims with high ranking p o l i c e o f f i c e r s and p o l i t i c i a n s . One of these personalities was Carlo Alberto Dalla Chiesa, the so c a l l e d "super-prefect" sent to Palermo to f i g h t the mafia but he found his death on the l i n e of duty i n Palermo. The f i r s t time he reached Palermo, he was sure to be f u l l y supported by the state apparatus, the p o l i t i c a l p arties and the public opinion. Not so. Later he f e l t himself increasingly confronted with indifference, i f not h o s t i l i t y , by the same people who elected him. Shortly before the assassination he wrote i n the newspaper "La repubblica" (August 10, 1987): I believe that a person i n a po s i t i o n of power has become too dangerous, but . . . he can be eliminated e a s i l y . . . because he i s isolated. 15 In 1963 the "Antimafia Commission" was formed (a parliamentarian commission of investigation against the mafia). The mafia reacted to i t with ruthless massacres. In the 80s various judges of antimafia were k i l l e d . Giovanni Falcone, Paolo Borsellino, Rosario Livatino died because of t h e i r incessant attack on t h i s monster. Meanwhile mafia bosses were arrested and prosecuted. The l a t e s t one, Toto Reiina, was arrested in 1993. And the struggle against the mafia goes on. Napoleon Colajanni, a l i b e r a l deputy at the turn of the century had said: To combat and to destroy the kingdom of the mafia, i t i s necessary, i t i s indispensable that the I t a l i a n government ceases to be the "king of mafia". But . . . i t has acquired too great a taste for the exercise of t h i s dishonest and i l l i c i t authority . . . Have we come to a point where we can no longer hope for the cessation of the function without the destruction of the organism? 16 NOTE: In 1975 i l "Contesto" was filmed by Francesco Rosi under the t i t l e "Excellent Cadavers". In 1976 "Todo modo" was filmed by E l i o P e t r i under the t i t l e "One Way or Another." 

Cite

Citation Scheme:

        

Citations by CSL (citeproc-js)

Usage Statistics

Share

Embed

Customize your widget with the following options, then copy and paste the code below into the HTML of your page to embed this item in your website.
                        
                            <div id="ubcOpenCollectionsWidgetDisplay">
                            <script id="ubcOpenCollectionsWidget"
                            src="{[{embed.src}]}"
                            data-item="{[{embed.item}]}"
                            data-collection="{[{embed.collection}]}"
                            data-metadata="{[{embed.showMetadata}]}"
                            data-width="{[{embed.width}]}"
                            async >
                            </script>
                            </div>
                        
                    
IIIF logo Our image viewer uses the IIIF 2.0 standard. To load this item in other compatible viewers, use this url:
http://iiif.library.ubc.ca/presentation/dsp.831.1-0086888/manifest

Comment

Related Items